sabato 24 luglio 2021

CARLO ACUTIS UNISCE IL MONDO

 * Il telefono della segreteria del santuario ad Assisi, diventa in poco tempo incandescente perchè sono tante, continue, costanti le chiamate da tutto il mondo  per chiedere preghiere, informazioni, avere reliquie del Beato Carlo Acutis, il ragazzo morto a 15 anni e sepolto all'interno della chiesa di Santa Maria Maggiore. Chiamano in particolare dal Brasile, dalla Svizzera, dalla Polonia, dall'est Europa, molte anche dal Sud Italia, dal Centro e da Milano...

* E' un'epidemia positiva   che ha contagiato tutto il pianeta. Un parroco in procinto di partire per il Brasile ha con sè due borse, piene di reliquie da portare in diverse comunità che ne hanno fatto richiesta. Carlo raggiunge tutti: ragazzi come lui, adulti, famiglie, anziani e bambini! Mi sono reso conto che questo giovane, attraverso la solidarietà per i poveri, l' Eucarestia giornaliera, il Rosario, il sano utilizzo della Rete Tv,  parla a tutti...

* Da lui si chiedono guarigioni fisiche ma anche spirituali...per sè. di genitori per i figli, di nonni per i nipoti, di sacerdoti per le proprie comunità...e anche la richiesta di reliquie...            La grande forza di Carlo è quella di essere un santo dei nostri tempi; tutti noi adulti, io e spero anche tu, come i giovani, lo sentiamo vicino, ci ha dimostrato che vivere il Vangelo ai nostri tempi è possibile...si può vivere una fede vera, sentita e condivisa...

 

venerdì 23 luglio 2021

PATRONA D' EUROPA ti dovrebbe INTERESSARE

 * Si chiamava Brigida, era una donna innamorata di Cristo e animata dalla passione, da quel patire nell'anima che è il riflesso dell'infinita cura di Dio per l'umanità e per il mondo. Oggi santa Brigida di Svezia, mistica e patrona d'Europa, ci spinge a volgere il cuore verso ciò che conta davvero, l'essenziale che si fa visibile nella storia...

* Per il nostro Continente, infatti, Brigida aveva una visione ben precisa, proponendo un'unità spirituale basata sul Vangelo e sul messaggio del Risorto. Nata nel 1303 in Svezia, avev sposato il governatore dell'Ostergotland con il quale  ebbe otto figli, condividendo con lui l'intenzione di dedicarsi alla vita religiosa e adottando insieme la regola dei Terziari francescani...

* Dopo 20 anni di Matrimonio rimase vedova e, lasciati i propri beni, si ritirò nel Monastero di Alvastra. In seguito ad alcune "Rivelazioni", raccolte in otto libri, fondò un altro ordine monastico. Dal 1349 al 1373, anno della morte, visse a Roma dove si era recata per ottenere l'approvazione delle regole dell'ordine monastico che volle fondare...

= Tutte queste notizie sintetizzate in poche righe mi rivelano un animo grande ricco della presenza di Gesù e dell'amore alla Chiesa e alla società , giustamente Patrona d'Europa...Se fossimo in tanti e uniti, almeno dove abitiamo, cambieremmo la nostra società. Speriamo !


giovedì 22 luglio 2021

VANGELO, CULTURA E POLITICA CASSIODORO (morto nel 580 ) VERSO LA SANTITA'

 * Mi ha stupito questa notizia, di solito i santi vengono proclamati  "  lontano dagli anni dalla morte ". Sono andatro a "vedere". Non ci sarà bisogno nemmeno di un miracolo. E' una scelta detta "equipollenza". E' prevista dalla Chiesa applicata alle Beatificazioni e Santificazioni mediante la quale il Papa, dopo le dovute verifiche, approva un culto esistene da tempo, senza attendere il riconoscimento di un miracolo per l'intercesione del futuro Beato o Santo.C'è una Positio, un volume che raccoglie le prove dalla Diocesi e poi studiata e approvata...

* Cassiodoro nato a Squillace nel 485 ancora giovanissimo visse a Ravenna alla corte del re Teodorico, fece carriera e divenne alto funzionario anche con i successori di Teodorico...Ritiratosi nei suoi possedimenti fondò alcune comunità monastiche del " Vavarium" di vita cenobita e del " Castellense " di vita eremitica che si dedicarono alla preghiera nelle stile della vita religiosa e unirono il lavoro della copiatura dei manoscritti sia cristiani sia classici...Morì a Squillace attorno al 580...

* Il servo di Dio Cassiodoro assetato di Dio, innamorato del mistero del Cristo incarnato, alla scuola dello Spirito Santo dopo un'intensa carriera politica, scelse di fare esperienza di Cristo mediane la meditazione assidua della Sacra Scrittura, insegnado poi a non avere paura della cultura del proprio tempo: la morale si fonda sulla esperienza amorosa di Cristo insegnava! L'inchiesta canonica su di Lui si basa anche su autorevoli pronunciamenti dei recenti pontefici: Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI e una bibliografia...che ha superato quella dei quindi secoli precendeti...

= Certamente ogni tanto lo pregherò anch'io...quessto santo sconosciuto !

mercoledì 21 luglio 2021

OCCORRE GUARDARE OLTRE IL VISIBILE

 * Ho letto: " ...la disaffezione religiosa di oggi è l'incapacità di guardare oltre il visibile...a certi settori della popolazione hanno estirpato il senso morale come si estirpano ali ai polli per ottenere più carne bianca" La mia esperienza di oggi invece, è stato l'incontro con una persona ricca di senso religioso che ha incontrato nell'esperienza col  mondo buddista...

* E' venuta a trovarmi una signora che non vedevo da anni,  (di anni 64). Ha fatto l'incontro con la religiosità buddista vissuta da un gruppo, e sta vivendo una vita " religiosa" con intensità. E' riuscita a conoscere e leggere un libretto di preghiere buddista che porta con sè e mi fatto vedere, prega lungo la giornata anche in casa con vero senso religioso...Separata dal marito con due figli che aveva educato ai sacramenti cristiani  e...da un compagno avuto dopo, superficiale che ha voluto andarsene, ma senza offese reciproche...

* Mi ha fatto vedere anche una lettera tra quelle che le avevo scritto (come parroco a Limbiate). Mi sono stupito per le belle cose che scrivevo e mi ha messo in difficoltà perchè mi sono chiesto: ma oggi sono ancora capace di scrivere una lettera così? Forse nel prepare le prediche perchè le faccio a me e per me...ma anche i libri che leggo normalmentele in ore di silenzio in chiesa, mi sembrano vuote...

=Mi conforta questo pensiero: Dio si trova nel mondo. A noi tocca trovarlo laddove la  Provvidenza ci ha posto a vivere. Grazie Dora ! E...sentiamoci !



martedì 20 luglio 2021

E' TEMPO DI ECOLOGIA ( accorgersi ) DEGLI ALTRI

 = Spunti da alcune considerazioni del Papa in questi giorni...

* Leggendo il Vangelo (Mc 6,30ss) agli apostoli che tornano dalla fatica missione dove Gesù li ha mandati e con entusiasmo si mettono a raccontare tutto quello che avevano fatto e detto... Gesù dice con tenerezza: " Venite in disparte in un luogo deserto, voi soli, e riposatevi un po' " E il Papa ha messo in guardia dal rischio di "lasciarsi prendere dalla frenesia del fare, dall'attivismo"...

* Per rientrare in noi stessi, per non passare dalle corse al lavoro, alla corsa delle ferie, bisogna fermarsi, stare in silenzio e pregare. Gesù non si sottraeva ai bisogni della folla, ma ogni giorno prima di ogni cosa si ritirava, in silenzio, nell'intimità con in Padre. Solo un cuore che non si fa rapire dalla fretta è capace di commuoversi cioè di non lasciarsi prendere da sè stessi o dalle cose da fare e accorgersi degli altri, delle loro ferite e dei loro bisogni...

* Il Papa ha parlato a tal proposito di una "ecologia del cuore" che si compone di riposo, contemplazione e compassione. Approfittiamo del tempo estivo per questo. Non solo riposo fisico è anche riposo del cuore. Bisogna ritornare al cuore delle cose:fermarsi, stare in silenzio, non passare dalle corse del lavoro alla corsa delle ferie. Gesù non si sottraeva ai bisogni della folla, ma sempre, prima di ogni cosa, si ritirava in preghiera, nell'intimità col Padre...


lunedì 19 luglio 2021

NON E' BENE CHE L' UOMO SIA SOLO (Gn 2,1 ss)

 * Dopo avere creato tutte le cose compreso l'albero della vita in mezzo al giardino e l'albero della conoscenza del bene del male il Signore pose l'uomo nel giardino dell'Eden, perchè lo lavorasse e lo custodisse...Potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino ma non dell'albero della conoscenza del bene e del male...perchè certamente allora dovrai morire. Ma, continua il racconto della Genersi, il Signore prende subito una decisione...

* E' preoccupato e dice: " non è bene che l'uomo sia solo" Tenta di rimediare alla solitudine dell'uomo ma nessuna delle realtà create corrisponde..." allora fece scendere un torpore sull'uomo che si addormentò gli tolse una costola, ne fece una donna e la condusse all'uomo...è solo Dio che agisce ma vedendola l'uomo disse: " Questa volta è osso delle mie osse, carne della mia carne. La si chiamerà donna perchè dall'uomo è stata tolta" (Gn 2,23)

* L'autore della Bibbia non nasconde che il cammno per uscire definitivamente alla solitudine  che si chiamerà "amore" ha bisogno di una grande capacità di distacco, di una profonda libertà del cuore. Per questo " l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due sarnna un'unica carne (Gn 2,24) L'essere umano al termine della creazione ha un grande desiderio di intimità con l'altro da sè. " Ora tutti e due erano nudi, l'uomo e sua moglie, e non provavano vergogna" (Gn 2,25) 

domenica 18 luglio 2021

PER RICORDARE LA LITURGIA DELLA PAROLA DI OGGI

 * Durante la vita di Giosuè " il popolo servì il Signore custodendo la memoria della opere che Egli aveva compiute in loro favore". Dopo la morte di Giosuè gli Israeliti dimenticarono il Dio che li aveva salvati e si diedero all'idolatria. Il Signore castigò il loro peccato, ma attraverso la figura dei "giudici", continuò ad operare per la loro liberazione. (Gdc 2,6-17)  

* Coli che annincianil Vengelo di Cristo alla comunità, è come una madre amorevole che " si cura dei propri figli" perchè non manchi loro il necessario nutrimento, e come un padre premuroso che, con l'esempio e la parola,incoraggia al bene.Ciò significa anche che egli non usa mai "parole di adulazione" e non cerca mai la propria "gloria umana". (1Ts 2,1-2,4-12)

* Sentendolo parlare del suo regno, Giacomo e Giovanni chiedono a Gesù di riservare loro i posti più in vista ("uno alla sua destra e uno alla sua sinistra"). Gesù ricorda loro che per condividere la sua regalità dovranno bere l'amaro calice della passione e subire il suo stesso battesimo di sangue e indica nel servizio, al dono totale di sè, la vera grandezza.(Mc 10, 35-45)