venerdì 17 settembre 2021

ALCUNI SPUNTI DI RIFLESSIONE,,,

* Per i sacerdoti lombardi anziani: " Non siete  solo  oggetto di assistenza, ma protagonisti attivi della comunità...e ancora:pregate per me che sono un po' anziano e un po' malato, ma non tanto..." Sono due passi del messaggio del Papa ai sacerdoti lombardi anziani e malati riuniti a Caravaggio per la giornata di fraternità con i Vescovi della regione...Spero di riuscire ad avere tutto il messaggio ma spero che tutti si ricordino dei preti anziani...( e anche di me!" )...

* " Governare è servire" ha ricordato il Papa nel "Decreto" per tutti i dirigenti dei vari Movimenti invitando i responsabili a dare le dimissioni se lo sono già da cinque anni; escusi i Fondatori...E ha aggiunto: " Vi ringrazio per quanto avete fatto in particolare in questo momento di pandemia perchè voi "dirigenti" avete una vera e propria missione ecclesiale e costruire il futuro del popolo fedele a Dio...

* State accanto a coloro che sperimentano nella loro carne l'abbandono e la solitudine per tante necessità...Ma questo decreto, per le nuove nomine, vuole intervenire per evitare i casi in cui si è assitito all'abuso di potere, e non il servizio degli altri volendo prendere decisioni su tutti gli aspetti della vita dell'Associazione; il secondo ostacolo è la slealtà quando diciamo di voler servire Dio e gli altri  ma nei fatti ci pieghiamo alla nostra voglia di apparire...

= Mi pare siano considerazioni che riguardino tutti,  appena abbiamo qualche potere. Gesù ci ha detto: " Siate come chi serve..."  e avrete la vostra ricompensa nei cieli...=


giovedì 16 settembre 2021

NON CHIUDERE GLI OCCHI sui problemi dei SACERDOTI

* Non è e non deve essere un superuomo,il prete...deve essere semplicemente un uomo innamorato di Gesù, che trova la sua gioia nel servire gli altri. Nella Chiesa cattolica di rito latino il prete deve rinunciare ad avere una sposa e a dei figli con cui camminare assieme. A qualcuno questa rinuncia appare disumana, e potrebbe esserlo se fosse imposta e subita; viceversa, si trasforma in libertà, se accolta come un dono... 

* Certe notizie sui preti, però, lasciano interdetti. un prete di Prato viene messo agli arresti domiciliari per importazione e spaccio di droga: sconcertante e avvilente. Perchè ha voluto fare il prete? In Prato e diocesi ne parlano...Il male combina sempre baccano! La Diocesi in una nota ha scritto: " Nessuno avrebbe mai potuto immaginare che avesse problemi di tossico dipendenza ".  I preti diocesani vivono da soli in generale , se non hanno ancora i genitori a seguirli. I preti vecchi superano di gran lunga i giovani preti...

* Ma: occorre resistere alla tentazione delle facili vocazioni per bisogno di preti!  Ci sono chiese senza sacerdoti? Con le lacrime agli occhi e la preghiera si cerchino altre soluzioni. Il dramma dei preti pedofili ha pesato e continuerà a pesare purtroppo sulla Chiesa. Come è possibile che un prete a capo di un gruppo di fedeli precipiti nella tossico dipendenza? Possiamo dire, pur con carità forse, dico forse che quel prete e, io dico, i nostri preti, li lasciamo soli?...

         = Spunti dalla considerazioni, anche mie, di Maurizio Praticello su " Avvenire " =

mercoledì 15 settembre 2021

NON E' LA SOFFERENZA MA L 'AMORE A DIRCI CHI SIAMO

                         =  Beata  Vergine  Maria  Addolorata :  la  Liturgia  di oggi  =

* Non è la sofferenza nè le ferite e il dolore che definiscono la nostra identità, ma la luce che sappiamo trovare anche nei momenti più difficili. Perchè, essere santi, significa mostrare al mondo un Dio che condivide le nostre lacrime e i nostri sospiri. Così oggi l'icona della Madonna sofferente accanto al Figlio che muore in Croce porta con sè un messaggio di speranza per l'umanità intera...

* La liturgia infatti oggi celebra la Beata Vergine Maria Addolorata, ricordando che Maria fu "associata" alla passione di Gesù e all'opera di salvezza che si stava realizzando sul Golgota. Il " si" pronunciato all'Arcangelo Gabriele la condusse non a una vita di privilegi. ma all'esperienza più dolorosa  per una madre agli occhi del mondo, la perdita di un figlio...

* ...è la negazione assoluta della speranza...Ma la risurrezione completa il percorso e dona un senso nuovo alla sofferenza: la morte è vinta, il dolore apre all'infinito abbraccio dell' Amore di Dio.               L' Addolorata è lì a dirci non solo che dopo la sofferenza troveremo la luce, ma anche che nel dolore nessuno è lasciato da solo...

martedì 14 settembre 2021

LA CROCE ? ALLARGA LE SUE BRACCIA PER TUTTI

  = Oggi Festa della Esaltazione della  Croce: da Budaperst pensieri del Papa =

* E, come Eucaristia, ma anche "e" come ecumenismo e dialogo con gli ebrei e soprattutto"e" come evangelizzazione in Europa. Ci sono modelli che non funzionano più...La croce non è mai di moda e oggi ci sono  religiosità mondane che vivono di ricordi e di ripetizioni, la croce è piantata su un terreno...ma non siamo ancora pienamente uniti...abbiamo un po' smarrito l'ardore dell'annuncio...

* La Croce oltre a invitarci a radicarci bene, innalza e estende le sua braccia verso tutti: esorta a mantenere salde le radici, ma senza arroccamenti, ad attingere alle sorgenti, aprendoci agli assettati del nostro tempo. Di qui il suo augurio:" Fondati e aperti, radicati e rispettosi. Come il Ponte delle catene che collega le due parti di Budapest: così devono essere i legami tra noi...

* Ogni volta che c'è stata la tentazione di assorbire l'altro, non si è costruito ma distrutto...così pure quando si è voluto ghettizzarlo anche integrandolo. Dobbiamo vigilare e pregare perchè non accada più...Soprattutto bisogna fare attenzione " alla minaccia dell'antisemitismo, che ancora serpeggia in Europa e altrove; qui, dal cuore dell'Europa viene da chiedersi: noi cristiani abbiamo un po' smarrito l'ardore dell'annuncio e, lavorare insieme per promuovere la fraternità...

lunedì 13 settembre 2021

IL PAPA A BUDAPEST IL RINNOVAMENTO DEL DISCEPOLO

  = Qualche spunto dal discorso del Papa a Budapest sul rinnovamento del discepolo =

* Gesù fa un annuncio: voi chi dite che io sia? Pietro rispose: " Tu sei il Cristo " . Da quel momento Gesù comincia a rivelare la sua identità, quella pasquale, quella che troviamo nell'Eucaristia. Spiega che la sua missione sarebbe culminata sì, nella gloria della resurrezione, ma passando attraverso l'umiliazione della croce. E cominciò a insegnare apertamente (Mc 8,32) che il figlio dell'uomo doveva soffrire molto. essere rifiutato dagli anziani, venire ucciso e dopo tre giorni risorgere...

* Il discernimento con Gesù trova la reazione di Pietro: quando si profila il dolore la reazione dell'uomo/donna si ribella. La Croce non è mai di moda, oggi come in passato. Ma guarisce dentro, è davanti al crocefisso che sperimentiamo la lotta: pensare secondo Dio o secondo gli uomini/donne. Pietro prende in disparte Gesù e si mette a rimproveralo...noi a volte mettiamo in un angolo Gesù e andiamo avanti per la nostra strada: senza lasciarci conquistare dalla logica di Gesù...

* Il cammino dietro e, anche, con Gesù. Gesù dice a Pietro: "Va dietro a me, Satana" E Pietro accoglie la " grazia di fare un passo indietro ". Cosa vuol dire camminare dietro a Gesù? E' andare avanti nella vita con la sua stessa fiducia, quella di essere figli amati di Dio, percorrere la stessa via di Gesù, venuto per servire e non per essere servito. Lì ci spinge l'Eucaristia: a sentirci un solo Corpo, a spezzarci per gli altri. Lasciamo che l'incontro con Gesù nell'Eucaristia ci trasformi.  apriamoci a Gesù Pane spezzato per dare la vita al mondo. Saremo nella gioia e porteremo gioia...


 



domenica 12 settembre 2021

DALLA LITURGIA DELLA PAROLA DI OGGI ( 2° dopo il martirio di GB )

* Leggo in Isaia (Is 63,7-17) " Voglio ricordare i benefici del Signore...quanto Egli ha fatto per noi, ci trattò secondo al sua misericordia..." Quali sono i benefici del Signore ricevuti? Ne ricordo alcuni: la vita - l'amore dei nostri cari - la simpatia, almeno, di tante persone...ma dopo la vita il beneficio più grande che ho avuto è avere incontrasto Gesù vivo nei credenti e la Sua presenza nella loro comunità :la Chiesa...

* Gesù ha costruito come tanti, una " casa ",(Eb 3,1-6) ogni casa viene costruita da qualcuno, ma colui che ha costruito tutto è Dio e Cristo/Dio è posto sopra la sua casa. Ma la sua casa siamo noi se nel nostro vivere quotidiano conserviamo la speranza che Lui ci ha dato. La casa di Dio tra gli umani siamo noi se nel nostro vivere quotidiano conserviamo la coscienza di essere partecipi di una vocazione celeste...

* Voglio andare con Lui ? Lo accolgo nella mia vita? Ma oggi nel Vg (5,37- 47) è duro: = ma voi non avete mai ascoltato la mia voce = vengo nel nome del Padre ma non mi accogliete = non credete agli scritti di Mosè...come potete credere alle mie parole? Egli ha scritto di me. Se non credete ai suoi scritti, come potete credere alle mie parole?...

= Per ricordare invito a ripetere: " Anunciamo la tua morte,proclamiamo la tua resurrezione,in attesa..."

sabato 11 settembre 2021

UNA ARISTOCRATICA CIECA: SARA' SANTA

* La straordinaria vita di madre Elzbieta fondatrice della suore "Ancelle della Croce".                          Nasce il 22 Ottobre 1876 in Ucraina in una famiglia aristocratica,in adolescnza cade male da cavallo      e la sua vita si indebolisce. Il mondo per lei diventa buio ma la fede è rimasta accesa come lampadina interiore. Seguendo i suggerimenti del suo medico oculista decide di dedicare le sue energie a migliorare il destino di tanti ciechi dei quali nessuno si occupa...

* Impara l'alfabeto Braille e a muoversi in un mondo nuovo: si reca in centri per non vedenti in Europa e nel 1908 apre a Varsavia i primi Istituti dedicati alla cura dei non vedenti, con la Società per la tutela dei ciechi. Ma matura anche in lei il desiderio di consacrarsi a Dio e fondare una comunità religiosa per il servizio dei ciechi: lo fa fra lo scetticismo di molti...

* Ha però il sostegno convinto e la stima da parte del Nunzio apostolico Achille Ratti poi Pio XI.  Un ruolo importante per lei lo ricopre uno dei padri del Rinnovamento liturgico che orienta la vita di Elzbieta offrire la vita non solo per i ciechi fisici ma anche per quelli in senso spirituale...La guarigione miracolosa che ora la porta sugli altari riguarda una bambina vittima di un grave incidente. non c'erano speranze: Elzbieta fu pregata e il 13 dicembre 2010 la bambina iniziò a riprendersi,ora è sana...


venerdì 10 settembre 2021

SANTO e MARTIRE, nato a RANCIO di LECCO

 * Giovanni  Mazzucconi nasce nel 1826: educato dalla grande fede dei genitori intraprende la strada del sacerdozio e entra nel seminario di Milano. Si distingue per acutezza e bontà. Durante le teologia legge  "Gli annali per la propagazione della fede" con la vita di tanti missionari nell'estemo oriente anche uccisi. A 24 anni entra nell'istituto delle missioni estere (diverrà il P.I.M.E.) e matura in lui un desiderio di totalità: missione e martirio sono le espressioni più naturali della sua vocazione sacerdotale...

* Il 16 marzo 1852 Mazzucconi e altri sei confratelli sono inviati nella Papua Nuova Guinea in Oceania e cominciano un testimonianza gratuita di amore, cura dei malati, pacificazione nei villaggi, aiuto agricolo e tecnico. La rottura avviene quando, a causa del Vangelo i missionari cominciano a condannare le molte violazioni alla dignità umana: uccisione di bambini e anziani, prepotenze dei capi e guerre...

* La resitenza degli indigini è tale che i missionari sono minacciati a morte e nel luglio 1855 sono costretti a ritirarsi; Mazzucconi,intanto, dopo essersi ristabilito a Sidney da una grave malattia, parte per raggiungere i suoi "infedeli". Agli inizi del settembre 1855, la nave giunge alla baia di Woodlark, icagliandosi frai coralli. Subito, secondo un piano preparato in precedenza, viene assalito dagli indigeni che uccidono il missionario e tutto l'equipaggio...

= Mi sembra giusti ricordare questi martiri missionari dimenticati normalmente...

giovedì 9 settembre 2021

NON TEMERE DI ESSERE UNITA, LIBERA, LIETA...

* " Non temete " è rivolto a tutta la Chiesa di Dio che è in Milano - dice il Vescovo Delpini - mentre si avvia questo nuovo anno pastorale ancora segnato dall'incertezza e dall'inquietudine della pandemia che ci ha colpito, non lasciarti abbattere dalla "tristezza",  dalla "solitudine", dallo "smarrimento" ...Il gregge appare disperso? le forze diminuite? " Non temere sii lieta - dice l'Arcivescovo - la tua gioia vien dal Signore e dall'amicizia con Lui...

* Perseveriamo nella preghiera...Chiedo a tutti i fedeli,  chiedo a tutti i consacrati, chiedo ai nonni e ai genitori di pregare e insegnare a pregare perchè tutti possano attingere alla fonte della gioia che non delude, perchè è un fonte zampillante per la vita eterna...Non temere santa Chiesa di Dio di annunciare che la buona notizia del Salvatore è il vangelo della famiglia, il vangelo della vocazione e della vita eterna...Non temere di essere libera anche a costo di essere impopolare per seguire il tuo Signore che non ha cercato la gloria del mondo, ma la fedeltà a Colui che lo ha mandato...

* Non temere santa Chiesa di Dio di creare occasioni per l'ascolto...non temere di accogliere il dono dello Spirito che raduna i molti perchè siano una cosa sola. L'unità dei credenti è frutto della docilità piuttosto che della organizzazione e della disciplina. Impariamo ancora a pregare! Se vi dicono che i vostri riti sono stranezza esotica non temete di offrire la vostra testimonianza: la vita è una vocazione e la celebrazione dei santi Misteri è il principio di un umanesimo sempre nuovo e fiducioso...


mercoledì 8 settembre 2021

SULL' ESEMPIO DI MARIA: RICORDIAMO LA SUA NATIVITA'

 * La sapienza di Dio che intesse il tempo e l'eternità passa da piccoli grandi eventi della storia e ogni vita che viene al mondo è un inno al su amore infinito. Celebrare la Natività della Beata Vergine Maria sognifica proprio volgere lo sguardo verso quei fatti di cui è costellata la nostra vita fin dall'inizio nei quali si rivela a mano a mano il progetto di divino...

* La nascita di Maria per la tradizione è "il preludio" alla nascita di Gesù e quindi è un passo fondamentale della storia della salvezza che culmina nell' incarnazione. Questa ricorrenza nata in Oriente e introdotta in Occidente nel  VII secolo, è come l'aurora che preannuncia l'arrivo della luce solare: in a caso infatti solo di Maria e di Giovanni Battista - altre che di Gesù - si ricorda la nascita...

* In una di "pedagogia liturgica" radicata nel comune sentire della fede popolare, la festa di oggi ci ricorda che la nostra vita è un progetto, con un inizio che ci è stato dato in dono e una fine, l'abbraccio dell'amore infinito di Dio, che dobbiamo "conquistare" ogni giorno con il nostro"sì" a Dio sull'esempio della Madonna, che dalla nascita è stata semppre un "si"...


martedì 7 settembre 2021

ANCHE CRESCENZAGO HA UNA SANTA: Eugenia Picco

* Eugenia Picco nacque a Crescenzago (in fondo a via Padova) nel 1867. Battezzata nella chiesa di Santa Maria Rossa ricevette la Cresima e la prima Comunione in santa Maria alla Fontana a Milano. All'interno di un nucleo famigliare disgregato e irregolare, indifferente ai valori religiosi, divenne una adolescente elegante, corteggiata e desiderosa di vivere tutte le attrative che Milano le offriva...

* Ma nel vortice delle esperienze di quegli anni incontrò disagio e menzogna e ben presto il dubbio la spinse a cercare qualche cosa di diverso. Nel silenzio della Basilica di sant'Ambrogio dove si recava a invocare Dio quasi senza conoscerlo, avertì la chiamata a orientare totalmente la vita al Signore. A 20 anni entrò nella Famiglia religiosa della Piccole Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e di Maria. Divenne insegnate di musica e francese, maestra delle novizie, consigliera e a 44 anni Superiora generale...

* Animatrice saggia e prudente, diede impulso alla formazione religiosa e culturale delle suore e alla promozione della donna. Fu madre per tutti, soprattutto i più poveri, i piccoli, gli ultimi e i sinistrati della Grande Guerra. Assetata di Dio, si distinse per particolare amore all'Eucaristia. Morì a Parma il 7 settembre 1921...Fu beatificata il 7 Ottobre 2001 al Papa Giovani Paolo II...

lunedì 6 settembre 2021

DENTRO IL CAOS DI QUESTA SOCIETA: UNA PREGHIERA

= Se  sfoglio  un  giornale, tra i più letti in Italia, a fatica trovo una speranza...mi sono rifugiato nella lettera del Papa: " Fratelli tutti"  sulla fraternità e l'amiciza sociale; si conclude con alcune preghiere =

* Signore e Padre dell'umanità, che hai creato tutti gli esseri umani con la stessa dignità, infondi nei nostri cuori uno spirito fraterno...Stimolaci a creare società più sane e un mondo più degno...

+ Dio nostro Padre, Trinità d'amore, effondi in mezzo a noi il fiume dell'amore fraterno, l'amore che traspariva nei gesti di Gesù, nella famiglia di Nazaret, nella prima comunità cristiana...

+ Concedi a noi cristiani di vivere il Vangelo e riconoscere Cristo in ogni essere umano, per vederlo crocifisso nelle angosce degli abbandonati e dei dimenticati di questo mondo e risorto in ogni fratello/sorella che si rialza in piedi...

+ Vieni, Spirito Santo! Mostraci la tua bellezza riflessa in tutti i popoli della terra, per scoprire che tutti sono importanti, che tutti sono necessari, sono volti differenti della stessa umanità amata da Dio...

+ Il nostro cuore si apra a tutti i popoli e le nazioni della terra, per riconoscere il bene la bellezza che hai seminato in ciascuno di essi, per stringere legami di unità, di progetti comuni e speranze condivise. Amen.


 

domenica 5 settembre 2021

UN PICCOLO FRAGILE STRUMENTO

 * Siamo piccoli strumenti nella mani infinitamente sapienti di Dio,ma questa nostra piccolezza può diventare strada che conduce molti alla speranza, all'amore, alla vita che non si spegne mai. Oggo al Chiesa celebra la memoria di una santa che ha fatto della capacità di mettersi al servizio con umiltà e dedizione la via maestra verso la santità...

* Santa Teresa di Calcutta, madre Teresa per tutti, ha lasciato che Dio stesso abitasse le propria fragilità per diventare " una matita nelle sue mani ". Agnes Gonxha Bojaxin era nata in Macedonia nel 1910 e dera entrata nella Congregazione della Suore Missionarie di Nostra Signore di Loreto. A 19 anni si trovò in India dove emise i voti e cominciò a dedicarsi all'insegnamento.

* Nel 1946 mentre si trovava in treno, ebbe la sua seconda chiamata: dare vita a una nuova Congregazione che si dedicasse agli ultimi tra gli ultimi. Fu così che quella fragile donna portò tra le via di Calcutta, con l'aiuto delle sue Missionarie della Carità "l'amore di Dio e la forza del Vangelo".              Madre Teresa morì il 5 settembre 1997 ed è santa dal 2016...

sabato 4 settembre 2021

IL CIELO E LE STELLE SPECCHI DEL CUORE

 = Spunti  di Maria  Romana  De Gasperi

* Scende la sera. Cosa si fa nel mondo? o meglio: cosa fa il mondo? lui ha un suo pensiero, un suo desiderio. Forse vuole andare più in fretta, o respirare l'universo più lentamente per osservare chi gli passa accanto? Potrebbe essere anche geloso verso certe stelle di fuoco che volano veloci senza lasciare tracce, gli piacerebbe seguire la loro strada che sembra più interessante...

* Allora forse penserai: ma quando finirò questa vita dove andrò? Chi mi porterà sulla strada giusta prima di perdermi in questi infiniti mondi di luce? Ci hanno detto di credere se i nostri occhi non vedono, ma guardando il cielo penserei: quando lascerò la vita dove andrò? Chi mi porterà sulla strada giusta prima di perdermi tra questi mondi di luce?...

* Ci chiedono di ascoltare chi canta la pace promessa e la felicità sconosciuta e la sua descrizione è impossibile da mettere in carta e leggendo ci riempie gli occhi di lacrime, di dolore e di gioia. Come posso guardarti cielo, questa sera, quando sento l'eco dei bambini soli e lontani? Dammi una nuvola dove possa nascondermi e pregare per loro...

 


venerdì 3 settembre 2021

BENIGNI "INNAMORATO" e IL MISTERO DELL' AMORE

 * Lo scorso anno aveva suscitato polemiche una lezione di Benigni dal palco dell' Ariston sul "Cantico dei cantici" per celebrare il mistero dei corpi che toccano abisso e cielo dall'eternità nella tenerezza nuziale, citando Dante che dice che Beatrice, la sua donna, imparadisa la sua mente. Così dice Benigni è l'amore della mia moglie Nicoletta che è sempre all'apice dei miei pensieri e innalza la mia anima alle gioie del Paradiso. Una dichiarazione di amore bellisima, profonda, sorprendente e coraggiosa...

* L'amore, il tempo, la condivisione, la bellezza di desiderare e sentirsi desiderati come dono grande. Troppe volte abbiamo avuto paura di desiderare l'infinito dell'amore e abbiamo spento, purtroppo anche in tanti giovani, di prolungare nel tempo la bellezza della  gratuità nella dedizione reciproca. Al contrario Benigni ha rivelato che lui e sua moglie Nicoletta hanno fatto e fanno tutto insieme, compresi quaranta anni di lavoro ininterrotto. Grazie a te, al tuo fascino, alla tua bellezza, alla tua femminilità, un mistero senza fine..."Questo mistero è grande " direbbe san Paolo agli Efesini...

* L'apparente esagerazione di Begnigni - emani luce, amore a prima vista, eterna vista - sollecita sguardi capaci di reggere il senso misteroso dell'amore tra uomo e donna. Non dobbiamo avere paura di parlarne, di sperarlo, di osarlo, Perchè nessuna catechesi se non quella dell'amore può  essere tanto potente e tanto coinvolgente per accostarci al Mistero che è amore supremo...



giovedì 2 settembre 2021

SANTO SCONOSCIUTO come molti! E IO ? TU ?

 * Dalla violenza dei campoo di battaglia alla dedizione della vita monastica. E' il percoso esistenziale di Sant'Alberto di Pontida che ci dimostra che è nel cuore di Dio, e non affidandoci agli strumenti del mondo, che possiamo trovare la vera pace. Ecco perchè sant'Alberto alla vita sotto le armi preferì la consacrazione...

* Era un nobile bergamasco nato a Prezzate attorno al 1025 e aveva intrapreso la carriera militare. Una grave ferita subita sul campo di combattimento, lo spinse a cambiare rotta nella sua vita. Fu così che partì pellegrino verso Santiago de Compostela e sul cammino incontrò diversi monasteri cluniacensi. E fu affascinatoda quella forma di vita...

* Al ritorno si fece promotore del carisma di Cluny nella sua terra, fondando a Pontida un monastero dedicato a san Giacomo e l'anno dopo uno intitolato a sant'Egidio. Andò poi a Cluny per il noviziato e pronunciò i voti. Al rientro fondò a Cantù un monastero di benedettine. Morì nel 1095, nel 1911 le sue reliquie sono tornate a Pontida...

              = Anche gravi ferite "spirituali" possono sollecitarci alla conversione...=

mercoledì 1 settembre 2021

SANT' EGIDIO ABATE (morto circa nel 710)

* Oggi è tolto dai calendari litugici, si trova ancora nelle agende. Sono aumentati i santi e allora vengono scartati quelli meno popolari, penso io...Santo  Egidio (Giles) è uno di quei santi la cui immensa popolarità si fondava su informazioni tutt'altro che certi. Fu uno dei santi più amati e conosciuti nel Medio Evo, si sa che costruì un monastero sulle terre donatagli a tale scopo, e dove fu sepolto e divene meta di pellegrinaggi come sosta sulla strada di san Giacomo diCompostella e la Terra Santa...

* Divenne famoso alla morte dei suoi genitori per  le donazioni generose che fece e i miracoli; si dice che avesse guarito un mendicante malato donandogli il suo mantello.  La sua fama crebbe allora   lasciò Atene e giunse a Marsiglia, e divenne eremita in un bosco vicino Nimes...Si racconta che vivesse da solo nel bosco e che Egidio si nutrisse del latte di una cerva che un cacciatore cercò di uccidere perchè si era rifugiata nella grotta del santo, colpì Egidio ma fu perdonato...

* Altre leggende su sant'Egidio che morì il 1 Settembre comengli era sto predetto in un sogno.Non si può negare che fu molto popolare: era per esempio l'unico santo non martire a essere incluso tra i quattordici anti protettori  della Renania. Il suo sepolcro divenne meta di pellegrinaggi...nella sola Inghilterra gli furono dedicate neon meno di centossanta chiese e ventiquattro ospedali sono chiamati "sant'Egidio"...

martedì 31 agosto 2021

CONSIDERAZIONI DI CHI E' STATO IN AFGANISTAN

* Via da Kabul. Gli italiani se ne sona andati. Il tricolore della nosta missione militare era stato già ammainato ma è soprattutto ora, davanti al massacro dell'areoporto, sigillo di sangue sul caos generato dalla rapida riconquista dell'Afghanistan da parte dei talebani, che vine da domandarsi: vent'anni laggiù, 53 dei nostri morti, oltre 700 feriti: Ne valeva la pena?...

* A Herat, nell'Ovest, gli uomini uscivano dalla caserma, che non era ancora giorno, erso i villaggi di montagna. C'era bisogno di pozzi: solo i papaveri crescono senza irrigazione, i rossi  campi di papaveri da oppio. Vedo ancora gli sguardi, in quei paesini, la paura come depositata negli occhi: che domandavano:" Non siete russi ? " ed erano pronti a scappare. " No, italiani " E allora di tranquillizzavano. Italiani, parevano pensare: ci si può fidare, avevano costruito parecchie scuole...

* 53 morti, 700 feriti, vent'anni. Ne è valsa la pena? Un giorno ci portarono sulle colline sopra Kabul. Sopra una vecchia piscina vuota un alto trampolino di cemento, e sotto, i ganci cui i talebani appendevano i "traditori", perchè si vedessero da lontano. Da lontano, quella forma mi era parsa una croce. Lo era: la croce del massacro dell'Afhganistan...

= Considerazioni di Marina Corradi su "Avvenire" che conclude: per quella povera gente mi dispiace      ma anche in verità per i miei figli...=

lunedì 30 agosto 2021

GIOVANNI BATTISTA: UNA TESTA SU UN CUSCINO

               = Liturgicamente era ieri ma non è stato ricordato perchè era Domenica...=

* Giovanni Battista è l'icona del coraggio dei cristiani,non temono la prepotenza del mondo forti dell'annuncio del Regno di Dio portato prima di profeti e poi da Cristo. Eppure anche i battezzati non possono non riconoscersi in Erode Antipa che ascoltava Giovanni, ma restava sempre perplesso...

* A vincere la resistenza è il martirio del cugino di Gesù, ultimo dei profeti e prima degli apostoli.        La storia è nota. il re si sentì minacciato dal Battista che lo accusò di avere compiuto un atto illecito sposando Erodiade, moglie di suo fratello. Erode lo imprigionò a Macheronte, ma continuava a sentirne il fascino. A eliminare il "pericolo" ci pensò la stessa Erodiade...

* Alla festa di compleanno del sovrano, spinse la figlia, che aveva ammaliato Erode con la sua danza, a chiedere la testa di Giovanni ottenendola. " Dammi qui in un vassoio, su un cuscino,la testa di Giovanni il Battista," Il re si rattristò - annota il Vangelo di Matteo - ma a motivo del giuramento e dei commensali lo mandò a decapitare"...


domenica 29 agosto 2021

DOMENICA CHE PRECEDE IL MARTIRIO DEL BATTISTA

 *Nella drammatica vicenda del martirio dei sette fratelli all'epoca di Antioco IV Epifane (175-164 a.C.) giganteggia la figura della madre che incoraggia i figli a obbedire a Dio piuttosto che agli uomini, riponendo la loro fiducia in Colui che, avendo "plasmato all'origine l'umanità" al potere di restiuire " il respiro e la vita" anche oltre la morte.                                                                                                         (2 Mac 7,1-2.20-41)

* La fede in Cristo è il più grande dei tesori, ma il credente la possiede sempre in vasi fragili, cioè in una esitenza votata alla morte " a causa di Gesù ". Da qui provengono le tribolazioni che lo porterebbero a disperare se non fosse viva in lui la certezza che il Signore è risorto e che " Colui che ha risuscitato il Signore Gesù, risusciterà anche noi con Gesù."  (2 Cor 4,7-14)

* La paura della morte violenta può essere superata dal pensiero che l'amiam vive immortale. Perciò il discepolo che riconosce Gesù davanti agli altri, e lo ama più del padre e della madre, del figlio o della figlia, e a rischio della sua stessa vita, non deve temere. Gesù lo renderà partecipe della vita che egli condivide eternamente con il Padre. ( Mt 10, 28-42 )

 

sabato 28 agosto 2021

TESTIMONE E MAESTRO ALLA RICERCA DELLA VERITA'

* "Tu esitevi prima che io esistessi, mentre io non esistevo così che potessi offrirmi il dono dell'esistenza."  Questa considerazione sant'Agostino ce la offre nelle sue Confessioni è un percorso di scoperta verso Dio e il suo amore, verso l'origine di ogni cosa. Un percorso personale  ma allo stesso tempo universale che passa attraverso i limiti dell'esperienza umana per toccare la profondità dell'essenza divina...

* La santià di Agostino consiste proprio in questo: là dove sembra di essere più lontani da Dio, è lì che Egli si rivela e toccca il cuore con maggiore intensità. Oggi è sant'Agostino: nato a Tagaste (è un africano) nel 354, fin da giovane Agostino aveva fatto della ricerca della verità il suo obietivo, per raggiungere il quale, però si trovò in difficoltà, su strade accidentate...

* Fece scelte personali e morali discutibili, sbagliate oggettivamente . Dopo avere aderito al "manicheismo", a Milano, grazie a sant'Ambrogio, si riavvicinò alla fede cattolica trasmessagli dalla madre, santa Monica. Battezzato da Ambrogio nel 387, prete nel 391, quattro anni dopo era vescovo di Ippona dove morì nel 430...

venerdì 27 agosto 2021

LE AFGANE SIAMO NOI e IL CUORE DI UNA MADRE

* Situazioni drammatiche e dolorose per tante donne: la carneficina in Afganistan  con sparatorie, ai piedi degli aerei, sulle donne e bambini e partenti e l'assurdità del nuovo regime che impedisce perfino la musica...e altro contro uomini e donne e bambini frutto di una umanità smarrita in quel paese (e in altri, non ancora da titoli sui giornali...)  si tratta di aiutare a resistere... e chi può pregando...

* Al cuore di una madre che accompagna e soffre, come Monica a vedere il figlio, Agostino,  perso per le vie del mondo  ma la sua gioia raggiunse il culmine quando il figlio, per il quale pregava, le disse che      " dispezzava la felicità terrena  per servire Dio."  Santa Monica era nata a Tagaste ed era rimasta vedova a 39 anni. Conosceva  bene l'oscurità che il figlio  aveva attraversato prima di arrivare alla fede e per lei era motivo di sofferenza...

* La conversione del figlio, Vescovo di Ippona, avvenne anche grazie alle preghiere e alla vicinanza spirituale della madre. Nel 387, durante il viaggio da Milano all'Africa, Agostino ebbe un ultimo profondo discorso con la madre che le disse: " Figlio, io non trovo orami più alcuna attrattiva per questa vita: il solo desiderio per cui volevo rimanere era vederti cattolico prima di morire. Dio mi ha esaudita oltre ogni mia aspettativa...che sto a fare qui?"  Morì pochi giorni dopo dicendo ai due figli: "...seppellitemi dove meglio vi piacerà, dovunque vi troverete ricordatevi di me all'altare del Signore...

 = La nostra speranza tra tante sofferenze, nel mondo che sceglie come se Dio non ci fosse...= 

                                                  

giovedì 26 agosto 2021

L' IPOCRISIA E' DETESTABILE particolarmente NELLA CHIESA

 * L'ipocrita è una persona che finge, lusinga e trae in inganno perchè vive con una maschera sul volto, e non ha il coraggio di confrontarsi con la verità. Per questo non è capace di amare veramente - un ipocrita non sa amare - limita a vivere di egoismo e non ha la forza di mostrare con trasparenza il suo cuore...

* Ci sono molte situazioni in cui si può verificare l' ipocrisia. Spesso si nasconde nel luogo di lavoro dove si cerca di apparire amici con i colleghi mentre la competizione porta a colperli alle spalle. Nella politica non è inusuale trovare ipocriti che vivono uno sdoppiamento tra il pubblico e il privato. E' particolarmente detestabile l'ipocrisia nella Chiesa, ci sono tanti cristiani e tanti ministri ipocriti...

* Non dovremmo mai dimenticare le parole del Signore:" Il vostro parlare sia sì,sì, no, no il di più viene dal maligno" (Mt 5,37). Pensimo a ciò che Gesù condanna: l'ipocrisia. E non abbiamo paura di essere veritieri, di dire la verità, di sentire la verità, di conformarci alla verità. Così potremo amare. Un ipocrita non sa amare. Agire altrimenti dalla verità significa mettere a repentaglio l'unità della Chiesa...

= dal discroso del Papa all'udienza di ieri, Giovedì 26 Agosto. Da imparare! dE =

 

mercoledì 25 agosto 2021

FU MAESTRO E PADRE PER I RAGAZZI POVERI

* Ben prima che un diritto esser padri e madri è un dovere e un compito. Generare la vita, infatti, significa anche guidare nell'esistenza le nuove generazioni, facendosi carico soprattutto dei giovani che sono privi di affetti e speranze. In questo senso Giuseppe Calasanzio fu autentico padre per moltissimi...

* Li incontrava per le strade segnati dall'abbandono e dalla miseria e osservando la loro condizione nelle strade di Roma e questo santo spagnolo ebbe l'idea di dare vita a una congregazione dedita all'istruzione dei più poveri. Nacquero così i Chierici regolari poveri della Madre di Dio delle scuole pie detti comunemente Padri scolopio o piaristi...

* Calasanzio era nato nel 1557 in Spagna, fu ordinato sacerdote a 26 anni vivendo la prima parte del suo ministero in diverse Diocesi spagnole. A Roma fondò la prima scuola popolare gratuita d'Europa. Chi si occupa dell'educazione dei ragazzi, scriveva, è per loro come un "angelo custode".Morì nel 1648. Nel 1948 Pio XII lo proclamò "patrono universale di tutte le scuole popolari, cristiane del mondo"...

= Forse mi sbaglio, ma ditemelo, preferisco ricordare queste persone forse dimenticate anche se sante, ma che hanno fatto, anche se oggi il titolo di un quotidiano scrive: " Un nuovo stile di Chiesa, sfida del cammino sinodale" . Cercherò di capire e proporre e...puoi farlo anche tu se sei cattolico...


martedì 24 agosto 2021

IL MEETING di Rimini : ALLA RICERCA DELL' IO

* Il Meeting di Rimini  è proposto da anni  da Comnione e Liberazione e quest'anno sottolinea la ricera dell'io: l'altro non è un rivale ma è il prossimo, ha ricordato ieri il Card. Gualtiero Bassetti capo della CEI Volevo ricordare la voce di alcuni giovani volontari in campo per realizzare l'incontro...

*Anna, 19 anni, al Meeting ci viene con la famiglia da quando era nel passeggino:ora universitaria si è resa disponibile incaricata per l'Ufficio Convegni. E' una esperienza nuova per me, ma il Meeting è sempre una scoperta: un'occasione di incontro e divertimento più forte delle difficoltà...

*Andrea. ha 22 anni. Se visitate la mostra: " Dire io: il linguaggio " lo troverete tra le guide della parte scientifica. Aspettavo questa situazione che per me è ideale per impegnarmi al Meeting e accompagnare  nei padiglioni...Noto che il Covid ha lasciato...tracce...Ma chi fa il Meeting sono le persone chelo costruiscono e lo vivono...

* Serafina è arrivata dal sud, incontro gli sguardi di tante persone,dialogo anche con gli occhi che parlano dietro le mascherine...si occupa della campagna dell'auto finanziamento...chiede soldi. E' imbarazzo? " Macchè! noi accogliamo persone loro donano spontaneamente...

* E' certo che i lor nomi non compariranno mai nei cominicati stampa, ma senza la loro umana e sana passione la colomba non spiccherebbe mai il volo come fa da quarantadue edizioni consecutive...



lunedì 23 agosto 2021

SANTA ROSA peruviana prima SANTA americana

* Rosa nacque a Lima nel Perù da una famiglia di origine spagmola il 20 Aprile 1586. Dai suoi genitori fu educata alla fede e alla morale cristiana, ricevendo anche una buona educazione culturale. Rivelò presto un fortissima inclinazione ascetica con una vita dedita alla preghiera, alla mortificazione e alle opere di carità. Entrata nell' Ordine Domenicano intensificò la  sua spiritualità fino all'unione mistica...

* Sopportò con animo sereno e per amore di Gesù la povertà, le disgrazie, il dolore fisico. Il 24 agosto 1617 consumò il suo sacrificio con una morte edificante. Canonizzata santa nel 1672 da Papa Clemente X, fu la prima cristiana del continente americano a essere tra i santi.Leggiamo tra i suoi scritti: " Ascolta popolo, ascoltate tutte le genti, vi avverto che non si riceve grazia senza soffrire afflizioni...e mi pareva che la prigione del corpo dovesse rompersi e l'anima andasse per il mondo a dire di non lamentarsi della sofferenze, ma accettarle come tesoro che conduce al Paradiso...

* Ci fa pregare la Liturgia oggi: " O Dio che a santa Rosa da Lima, ardente del tuo amore,hai ispirato il proposito di rinunciare a un ideale terreno per dedicarsi interamente a Te nell'austerità e nella preghiera, concedi anche a noi di seguire le vie della vera vita e di enebriarci alla sorgente della tue delizie...-

domenica 22 agosto 2021

LA BEATA VERGINE MARIA " REGINA "

 * Per "reggere" il mondo bisogna farsene carico, portarlo sulle spalle e averne la massima cura: chi più di Maria, donna del servizio e dell'amore senza fine, può compiere meglio questo incarico? E' proprio per questo che la Chiesa la celebra con il titolo di Regina, riportato nel calendario liturgico alla data odierna...

* La ricorrenza odierna fu istituita nel 1955 da Pio XII e fissata il 31 Maggio come culmine del mese dedicato alla Madonna. Venne spostata alla data odierna dall'ultima riforma liturgica, che la avvicinò così alla solennità di sette giorni prima, l'Assunzione, ricordano così che Maria è Regina anche perchè ci fa da guida sulla strada che porta al Cielo... 

* Il "governo" di Maria è in realtà un esempio per tutti coloro che desiderano realizzare il Regno di Dio offrendo la propria stessa vita per questo progetto. E' in realtà un compito che spetta a tutti coloro che rivevono il Battesimo, che vengono cioè immersi nella vita di quel Creatore, che grazie al sì di una giovane donna ha poturo condividere fino in fondo la vita delle sue creature...

 

sabato 21 agosto 2021

VERO SERVIZIO ALLA VITA: L'OMICIDIO ?

* Siamo davanti alla " cultura della morte " che minaccia di destabilizzare il nostro modo di pensare la solidarietà, la cura reciproca, l'amore alla vita nostra e di tutti...Abbiamo lottato per la vita di tutti con immagini di morti indimenticabili soprattutto perchè accompagnate dalla solitudine di chi moriva e di chi non poteva stare accanto a chi stava morendo...Ridiamo forza alla battaglia di oggi...

* Nessuno deve sentirsi solo davanti al dolore e alla sofferenza e nessuno deve essere indotto a preferire la morte. Anche per questo la nostra (spero) battaglia per i valori umani tiene strettamente unite, sempre insieme, vita e famiglia. La famiglia vive tanto più profondamente il dolore per una persona cara quanto più forte è il legame ed è spesso per la propria famiglia che si continua a vivere nella fatica e nel dolore...

* I referendum proposto da un settore del mondo radicale chiede senza mezzi termini di legalizzare l'omicidio  del consenziente. Si tratta di passare dall'aiuto al suicidio all'omicidio diretto di una persona.Ossia si chiederà a un famigliare o a un sanitario di uccidere una persona cara che soffre per non farla più soffrire: si tratta di intervenire in modo attivo a dare la morte a una moglie, a uu marito, a un genitore (spero no a un figlio!)...

= Eppure oltre 500.000 persone hanno già firmato per il referendum: la mentalità atea degli italiani? =

venerdì 20 agosto 2021

DALL' AFGANISTAN E UNO SGUARDO SUL MONDO: ANDARE AVANTI?

 * Se apro un giornale mi soffermo a guardare il mondo, io, e mi auguro molti umani , mi sono chiesto quale sia la spinta che mi fa e, spero, ci fa, andare avanti nella vita, quale sia il motore immobile della storia umana ? Sigmund Freud ha identificato i due principali istinti umani: quello verso la morte e quello dell'amore. Ma quale è il più forte tra i due?  Siamo "condannati" ad amare o a desiderare le fine?

* Nel romanzo di uno scrittore Usa, Hannah Coulter ,troviamo un passaggio che sembra rieccheggiare certe pagine bibliche per la sua pregnanza di significato:" Qual'è il filo che tiene insieme ogni cosa? Il dolore, ho pensato per un certo tempo. Di dolore ce n'è a profusione ...Ma il dolore non è una forza e non può durare a lungo. Lo si può solo sopportare.

* "Ciò che ci sorregge è l'amore, perchè l'amore è presente sempre anche nell'oscurità, o soprattutto nell'oscurità e a volte brilla come un filo d'oro in un ricamo" "Dio è amore" afferma san Giovanni nella sua priama lettera (4,8). Dobbiamo anche noi fare un atto di fede quotidiano: credere che sia l'amore e non la morte o il dolore, la forza che ha l'ultima parola nella nostra vita e in quella del mondo...

= Spunti da "Avvenire" di Lorenzo Fazzini =


giovedì 19 agosto 2021

GESU' E I COMANDAMENTI (dal discorso del Papa)

 * Crediamo in Gesù Cristo e facciamo quello che vogliamo, se è "finita la Legge" ? No i Comandamenti ci sono, ma non ci giustificano. Chi ci giustifica è Gesù Cristo. I Comandamenti si devono osservare, ma non ci danno la giustizia; c'è la gratuità di Gesù Cristo, l'incontro con Gesù Cristo che ci giustifica gratuitamente. Il merito della fede è ricevere Gesù. L'unico merito è aprire il cuore...

* E che cosa facciamo allora con i comandamenti? Dobbiamo osservarli, ma come aiuto all'incontro con Gesù. Questo insegnamento sul valore della legge merita di essere considerato con attenzione per non cadere in equivoci. Ci farà bene chiederci se viviamo ancora nel periodo in cui abbiamo bisogno della Legge o se invece siamo ben consapevoli di avere ricevuto la grazia di essere diventati figli di Dio...

* Per vivere nell'amore. Come vivo io? Nella paura che se non faccio questo andrò all'inferno? o vivo anche con quella speranza, con quella gioia della gratuità della salvezza in Gesù Cristo ? E' una bella domanda! E anche la seconda: dispezzo i comandamenti? No,li osservo ma non come assoluti perchè so che quello che mi giustifica è Gesù Cristo...


mercoledì 18 agosto 2021

SPERANZA DENTRO UNA SOCIETA' "CONFUSA"

Sfogliando il giornale mi sono trovato smarrito: notizie di guerre, violenze...senza respiro...Mi sono rifugiato su "Il santo del giorno" sant'Elena, ma...la vita cristiana è una lotta su di sè e nella società...=

* La memoria di sant'Elena, madre dell'imperatore Costantino, è legata soprattutto alla sua opera di scoperta, conservazione e valorizzzione dei luoghi legati alla storia di Gesù. Flavia Giulia Elena era nata in Bitinia tra il 248 e il 250 e aveva sposato il tribuno Costantino Cloro, ma nel 293 l'imperatore Diocleziano volle che il marito la ripudiasse...

* Il figlio, Costantino, divenne imperatore nel 306 ed Elena usò la sua posizione di prestigio per compiere opere di bene a favore dei bisognosi. Forse fu proprio grazie alla sua testimonianza che Costantino si convertì, dopo avere concesso libertà di culto ai cristiani. Nel suo cammino, però, Costantino non fu certo un uomo dalle virtù specchiate...

* Per questo forse Elena decise di compiere nel 326 un pellegrinaggio in Terra Santa, dove iniziò anche un prezioso lavoro di salvaguardia dei luoghi santi. La tradizione dice che la Croce di Gesù fu trovata proprio sotto i suoi occhi. Elena infine che morì tra il 329 e il 330, si impegnò anche per la costruzione delle Basiliche della Natività e dell'Ascensione...


martedì 17 agosto 2021

C'E' UNA VIA CHE PORTA... IN CIELO

* Il  "Magnificat"  è  come una "fotografia" della Madre di Dio. Maria esulta in Dio " perchè ha guardato l'umiltà della sua serva" (Lc 1,47...) E' l'umiltà il segreto di Maria. E' l'umiltà che ha attirato lo sguardo di Dio su di lei. L'occhio umano ricerca sempre la grandezza e si lascia abbagliare da ciò che è appariscente. Dio invece non guarda l'apparenza, Dio guarda il cuore (1Sam 16,7) ed è incantato dall'umiltà: l'umiltà del cuore incanta Dio...

* Guardando a Maria che abbiamo appena celebrata "Assunta in Cielo" possiamo dire che l'umiltà è la via che porta in cielo. La parola  umiltà deriva dal termine latino humus, che significa "terra". E' paradossale che per arrivare in alto, in Cielo, bisogna restare bassi come la terra! Gesù lo insegna: " chi si umilia sarà esaltato"  (Lc 14,11) Dio non ci esalta per le nostre doti, per la bravura, ma per l'umiltà. Dio è innamorato dell'umiltà...

* Dante definice la Vergine Maria " umile e alta più che creatura " (Paradiso XXXIII,2) E' bello pensare che la creatura più umile e alta della storia, la prima a conquistare i Cieli, trascorse la vita per lo più tra le mura domestiche, nell'ordinarietà, nell'umiltà. Le giornate della piena di grazia non ebbero molto do eclatante. Si surreguirano spesso uguali, nel silenzio...Ma lo sguardo di Dio è sempre rimasto su di lei, ammirato dalla sua sua disponibilità dalla bellezza del suo cuore mai sfiorato dal peccato...



lunedì 16 agosto 2021

AMATA E AMARA TERRA MIA (è come il grido di una preghiera)

 * Terra amata che bruci, bellezza devastata da crimini umani con monili dorati al collo con volti di Cristo, vite consacrate al male. Terra bella e unica adagiata fra due mari mentre roghi divampano nel tuo cuore palpitante, attraverso il cielo con una colonna di fumo nero che sovrasta il profumo delle rive...

* Terra amara e materna di sprezzata da figli senza anima, venduta e lacera come una donna mercanteggiata guardo le ceneri di quello che era il tuo respiro, parto di vita per tutti, ogoglio di ogni tuo figlio...

* Terra di Calabria in fiamme, flusso del passato ingoiato dal presente che deturpa il tuo volto di bellezza arcaica ma sempre nuova, germoglio di vita, florida speranza, seno sempre fecondo ad accogliere nuovi tuoi figli...

= E' una preghiera di Pino Caiazzo arcivescovo di Matera-Irsina, calabrese di Isola di Capo Rizzuto, volevo proporla, su questo Blog,  ieri alla Madonna  Assunta che certamente l'avrà ascoltata...e oggi...

domenica 15 agosto 2021

15 Agosto Festa della MADONNA ASSUNTA preghiera a Maria

 * Maria, il tuo nome, solo a pronunciarlo è pieno di grazie. A Te viene ogni anima smarrita, ferita dal dolore, oppressa dal vuoto e dalla disperazione. Tu non respingi nessuno, mai. Prendi sul serio tutte le domande, su tutte rispondi. Perciò pieno di fiducia mi rivolgo a te. La tua risposta ha un tocco inconfondibile, sorprendente, leggero e sicuro...

* Fa' che nessuno resti deluso, che ogni parola rivolta a te diventi una preghiera potente. Rispondi al grido di chi cerca in te consolazione e gioia. Tu che sei la felicità del tuo figlio Gesù, la prescenta dal Padre, il riposo dello Spirito Santo...

* Accogli noi piccoli che non riusciamo a trovare la strada e ci ritroviamo feriti e piagati. Accoglici tutti come siamo. Per tanti sei stata l'amore infinito e sempre nuovo che li ha fatti rialzare e tornare a sperare. Anche noi piccoli che veniamo a te, che gridiamo dal dolore, anche per noi, Maria, diventa tu la via della gioia, quelle gioia che nessuno e niente potrà mai toglierci.  (preghiera di Ernesto Olivero)

sabato 14 agosto 2021

GINO STRADA, ATEO CREDENTE NELL' UMANITA'

 * Un uomo dalla volontà impetuosa,di poche parole ma di fatti concreti. Era un radicale nel senso vero della parola, andava a fondo delle cose, aveva sempre presente per chi lottava: le persone, i più poveri...  il suo no alle guerre e alle bombe non nasceva da ideologie ma era vero. Aveva posizioni aspre ma con tutti; non faceva selezioni, non era contro la Chiesa a priori. In Lui, io sacerdote vedevo un ateo credente nell'umanità... (Così dice don Virginio Colmegna)

* L'uomo che ha attraversato il mondo per curare le ferite fisiche e morali delle guerre era partito da Sesto San Giovanni, da Milano, dalla Lombardia. Dice il sindaco di Milano: " Se n'è andato un caro amico, gli volevo bene e lui ne voleva a me... Di lui si può pensare quello che si vuole, ma una cosa è certa: ha sempre pensato prima agli altri che a se stesso...( Così dice il Sindaco di Milano)

* Gino Strada  ha recato le ragioni della vita dove la guerra voleva e imporre violenza e morte. Ho invocato le ragioni dell'umanità dove lo scontro cancellava ogni rispetto per le persone. La sua testimonanza resa fino alla fine della sua vita, ha contribuito ad arricchire il patrimonio comune di valori quali la solidarietà e l'altruismon espressi nel servizio alla salvaguardia delle persone più deboli esposte alle conseguenza dei conflitti che insanguinano il mondo...(Così Mattarella, Presidente della Repubblica)

venerdì 13 agosto 2021

COME DEFINISCI LA CHIESA ?

 * Spesso Papa  Francesco invita i cristiani a far sì che la Chiesa non sia un' ong, un'organizzazione non governativa dedita al bene e ai più poveri. Quel qualcosa in più ce lo indica il pastore della comunità protestante immaginata dall'autrice del romanzo Resta con me (ed.Fazi). Nel romanzo sentiamo così definire cosa è una comunità parlando del protagonista:" Il suo lavoro consisteva nel stare in chiesa con le spalle erette e il mento puntato verso l'alto per fare comprendere che essere cristiani non è un hobby: essere cristiani è una cosa seria." 

* Significava chiedersi ad ogni passo del proprio cammino:"in che modo posso servire al meglio la causa dell'amore? " Una domanda questa che potremmo definire molto "ignaziana", nel senso di sant'Ignazio di Loyola, che ha sitemanizzato bella tradizione cristiana il principio del discernimento...

* Si tratta di tenere vivo e ricercare con costanza e con passione che cosa è la volontà di Dio per me oggi, in questa concreta situazione in cuimi trovo adesso. E se la volontà dell'Altissimo è principalmente che ci amiamo gli uni gli altri come Cristo ci ha amati, interrogarsi su come farlo è compito quanto mai urgente e intrigante...

mercoledì 11 agosto 2021

I PASSI di santa Chiara per arrivare : AMORE E UMILTA'

* Nel 1206 quando Francesco si spogliò dei propri abiti come segno di affidamento totale a Dio, una ragazza dodicenne di Assisi, Chiara, rimase profondamente colpita da quel gesto. Sette anni dopo fu lei che volle seguire i passi del "poverello" e affidarsi totalmente al Signore proprio attraverso la guida di Francesco...

* Nella Regola per l'Ordine delle Sorelle Povere, la fondatrice partì dalla scelta riproporre ogni propria certezza nel cuore di Dio e formulò l'invito a dare alla propria vita la forma del Vangelo. E i due cardini dela cammino delle Clarisse per raggiungere questa meta risiedono nell' amore e nell'umiltà...

* Chiara era nata nel 1194 e, nel 1213, dopo avere maturato una scelta radicale ispirata da san Francesco andò alla Porziuncola dove il santo le tagliò i capelli e le fece indossare i saio. Il padre di Chiara tentò di riportarla a casa, ma lei trovò rifugio nella chiesa di san Damiano, dove nacquero le Clarisse, la cui prima regola fu dettata proprio da Francesco. Chiara morì nel 1253...

martedì 10 agosto 2021

SUDAN LEI mussulmana e LUI cristiano CONTRO IL LORO MATRIMONIO

* Hanno poco più di vent'anni lei Eshan mussulmana, lui Deng Anei cristiano: abitavano nel Sudan. Un anno fa, innamorati, dopo essere fuggiti dal Sudan dove la famiglia di lei, si opponeva alla loro unione, sono arrivati a Juba e si sono sposati. Ora aspettano il primo bambino e vivono con una minaccia di morte pendente sulle loro giovani esistenze. Ci siamo sposati con rito islamico perchè avevamo troppa paura. Ma essendo io cristiano, dalla diocesi di Juba abbiamo ricevuto un certificato di matrimonio...

* Il padre della giovane sudanese, si è rivolto alla figlia attraverso un video pubblicato dicendo: "Non pensare che scappando da me tu sia in salvo. Ti raggiungerò, giuro ad Allah che dovunque tu vada verrò e lì ti taglierò a pezzi. Se non vuoi cambiare la tua opinione e tornare, verrò e ti ucciderò...E i due sposi sanno di non essere al sicuro a Juba. Hanno chiesto l'intervento del governo Sud sudanese senza risposta e smentendo che era stata rapita come dicevano i così detti amici o conoscenti...

* Questo suo coraggioso atto di indipendenza e rivendicazione gli è costato caro: sono state diffuse foto e una campagna di odio contro di loro. Eshan che sposando un uomo del sud Sudan, per di più cristiano sarebba andata contro la mentalità arcaica dei genitori, ma sperava che col tempo avrebbero accettato. Siamo spaventati,abbiamo molta paura, chiediamo che ci portino via di qui...Accadrà?...

lunedì 9 agosto 2021

L'ITALIA VINCE E STUPISCE

 * Lo sparo nel buio, la prima curva, i cambi, il tuffo di testa sul traguardo. Filippo Tortu, faccia da bambino, pelle chiara, solo nervi e occhi spalancati. E' suo l'ultimo atto, l'ultimo dei cento passi, ..quello che vuol dire vittoria. Incredibile, infinito, Tokyo non smette di allungare la favolosa avventura azzurra alle Olimpiadi di Tokyo 50 medaglie! meglio di Los Angeles del 1932 e di Roma nel 1960...

* Così come le ha vissute, come me, 61 anni fa nel pomeriggio in cui Livio Berruti vinse i 200 metri con il record del mondo, è certo che molti ricorderanno a lungo cosa facevano la mattina i cui due italiani, vincenti, si  allo stadio olimpico di Tokyo sono abbracciati. O il giorno in cui due ragazzi dalla pelle bianca e due dalla pelle scura vincevano al staffetta più veloce, la 4x100. Quattro italiani, niente di più...Sono contento che due italiani fossero anche con la pelle scura!...

* Forse dimenticherò invece - è un peccato - che l'Italia a questi Giochi ha rischiato di venirci senza inno e senza bandiera, perchè a bisticciare con la politica siamo sempre bravissimi. E magari ricorderà cheb le prossime Olimpiadi dovrà andare a disputarli Parigi perchè, dovevano essere a Roma, ma qualcuno, io non so chi, non l'ha voluto. Così è scrive A. Caprotti su "Avvenire"


domenica 8 agosto 2021

PER "RISENTIRE" e RICORDARE la Liturgia della PAROLA di OGGI

* Sul monte Carmelo si confrontano Elia, l'unico rimasto dei profeti del Signore, e i molti profeti di Baal e di Asera in rappresentanza del nulla degli idoli. Alla preghiera di Elia umile e fiduciosa corrispondo il fuoco del Signore che consuma col il giovenco offerto in olocausto lo stesso altare del sacrificio e induce il cuore del popolo alla conversione...( 1Re 18, 16b-40a )

* Dopo aver  puntualizzato che in Israele il rifiuto di Gesù non è stato di tutti, Paolo adderma che la caduta nell'incredulità di una parte degli Israeliti non è stata vana perchè ha fatto si che la salvezza  giungesse alle genti. Ma poichè la chiamta di Dio è irrevocabile, egli confida che la totalità di Israele sarà riammessa a partecipare all'eterna beatitudine... ( Rm 11.1-15 )

* Nelle parole fianali di Gesù la vigna della parabola viene a coincidere con il Regno di Dio, che stabilito originariameente in Israele, passerà successivamente a un popolo che ne produrrò i frutti. Questo popolo nel quale conflusice l'eredità di Israele, sarà costituito da tutti coloro che, ebrei e pagani, accolgono nella fede il Figlio che il Padre ha inviato...( Mt 21, 33-46 )

sabato 31 luglio 2021

GLI " ESERCIZI " : CAMMINO PER COGLIERE LA VITA DI DIO

 * Esercitare l'anima per saper cogliere la presenza di Dio e quindi mostrare al mondo i frutti di questa ricerca incessante; è l'invito che ci lascia sant'Ignazio di Loyola, fondatore dei Gesuiti. Era nato ad Azpeitia nella provincia basca di Guipuzcoa nel 1491 ed era il minore di 13 figli di una famiglia impegnata a servire i re cattolici di Siviglia... Nel 1506 rimase orfano e venne mandato nella città di Arévalo e istruito nelle arti cavalleresche...

* E la sua vita fu proprio quella di un cavaliere, finchè non rimase ferito a una gamba a Pamplona. Durante la convalescenza, grazie a delle letture spirituali, cominciò un cammino di conversione religiosa e di " progettazione spirituale". Forte della sua esperienza militare decise di mettere quella  disciplia a servizio di Cristo e della vita della Chiesa nel mondo...

* La sua formazione di compì in Spagna e Francia. Scrisse alcune regole - poi confluite negli " Esercizi spirituali " - e nel 1534 assieme ad alcuni compagni diede vita a Parigi al primo nucleo di quelli che sarebbero poi diventati i Gesuiti. Nel 1537 fu ordinato prete. Ignazio morì nel 1556 a Roma 16 anni dopo l'approvazione della sua Compangnia...

= Mi piace riandare a vedere la conversione dei santi e la proposta fatta a tutti nella Chiesa, è lo Spirito     Santo che attraverso noi si fa presente nella società, nel mondo...=

                              +++ per una settimana sospendo di scrivere il "mio" Blog, evs +++

venerdì 30 luglio 2021

CRISOLOGO = DALLE PAROLE D'ORO

* "L'amore non si arresta davanti all'impossibile, non si attenua di fronte alle difficoltà" Ed è proprio l'amore che Dio stesso ha messo nel cuore degli esseri umani spingendoli a cercare una alternativa che è solo la vita divina. Cantore di questa infinita ricerca del Dio che si incarna è Pietro Crisologo santo. Nato forse attorno al 405 a Imola fu battezzato e poi anche educato e istruito dal Vescovo della città...

* Compiuti gli studi a Ravenna e a Bologna, Pietro fu ordinato diacono dallo stesso presule di Imola.       Nel 433 venne consacrato vescovo e venne destinato alla guida di Ravenna a quel tempo residenza della corte Imperiale. Ben presto il nuovo pastore si fece notare per la sua profondità e capacità oratoria arrivando così a meritarsi il titolo di " Crisologo" ovvero "dalle parole d'oro"...

* Molte furono le questioni teologiche che egli affrontò nel suo ministero cercando anche di ricomporre le divisioni interne. Morì tra il 451 e il 458. Il Vescovo Felice, due secoli e mezzo più tardi raccolse 176 sermoni di san Crisologo cui si aggiungono altri tesi giunti nel tempo fra noi...

= Se sfoglio un quotidiano qualunque trovo notizie di morti, uccisoni, guerre, violenze...allora spesso preferisco ricordare la vita di persone o di santi che ci presentano quanto di positivo hanno vissuto ...

giovedì 29 luglio 2021

IL MATRIMONIO VIA ALLA SANTITA' (un esempio )

* Il matrimonio come via per la santità, grazie a un percorso fatto di un fede semplice e vissuta nel quotidiano. E' in questo orizzonte che si colloca la vicenda dei due santi sposi, Luigi e Maria Zelia...          Furono i genitori di santa Teresa di Lisieux, ma la loro testimonianza non è un semplice riflesso di quella della figlia perchè la "formula" che li ha portati sugli altari insieme nel 2015 è stata la loro capacità di dare casa alla speranza del Risorto dentro le mura domestiche.

* Luigi era nato a Bordeaux nel 1823 e aveva scelto la professione di orologiaio mentre Maria Zelia era nata nel 1831 a Saint-Denis, divenendo poi una brava merlettaia. Entrambi avevano desiderato per un periodo la consacrazione religiosa della loro vita ma la strada fu un'altra. Nel 1858 si conobbero ad Alencon e dopo tre mesi si sposarono, mettendo ovviamente su' una famiglia...

* I loro ritmi erano scanditi dai gesti della fede cristiana:non solo la Messa la Domenica, ma anche la preghiera domestica e l'attenzione ai bisognosi. Ebbero nove figli ma quattro morirono. Le cinque figlie divennero tutte religiose. La mamma Maria Zelia morì nle 1877, Luigi il padre nel 1894.

= Mi è venuto di ricodarli, soprattutto per gli sposati, perchè la loro vita domestica, venga accompagnata dalla preghiera quotidiana...non mi sembra fatta insieme ...=

mercoledì 28 luglio 2021

MA...QUANDO FINIRA' E CI SARA' MISERICORDIA

 * Arriverà il tempo della pietà per tutti questi morti nel Mediterraneo? I nove corpi dei migranti che da quattro settimane sono lasciati in fondo al mare a 90 metri di profondità dimenticati, a 7 miglia da Lampedusa, vanno ricuperati. La Caritas ha fatto l'appello al Goveno: "Non possiamo lasciarli lì, è un'opera di misericordia verso questi corpi e un atto di civiltà...il pensiero di questi morti abbandonati in mare, non mi fa dormire " dice il direttore della della Caritas...

* " E' angosciante sapere che sono sul fondo del mare. Probabilmente ci sono dei bambini..." dice Bartolo che è stato medico di Lampedusa e ha salvato tante vite e composto tanti cadaveri...Quella del naufragio del 30 Giugno corso è una storia, davanti ai quasi mille morti affogati  da gennaio per raggiungere l'Europa che è doveroso ricostruire. I corpi sono stati identificati assieme al relitto della vecchia barca con la quale avevano intrapreso il tragico viaggio della speranza dalla Tunisia...

* Nel naufragio causato probabilmente dal ribaltamento dell'imbarcazione per lo sbilanciamento dei migranti alla vista della motovedetta della guardia costiera, quando la costa dell'isola era vicina e i soccorsi in arrivo, hanno perso al vita 16 persone, tra cui diverse donne e una incinta...I soccorritori li avevano tratti in salvo uno a uno tuffandosi di notte in una corsa contro il tempo. "Vogliamo assolvere un opera di misericordia, non possiamo lasciarli in pasto ai pesci..." Ha detto il sacerdote della Caritas...

= Io scrivo, penso, prego ma...il mondo è troppo diviso...e viene meno a volte la speranza...

martedì 27 luglio 2021

CONSIDERAZIONI SULLO SCADALO CHE E' LA FAME

     = Ieri a Roma  pre-vertice sui  sistemi alimentari  della Fao  presente il Segretario dell'ONU =                                                           Il Papa nel suo messaggio ha scritto:

* " Produciamo cibo a sufficienza per tutti, ma molti restano senza il pane quotidiano. Questo costituisce un vero scandalo, un crimine che viola i diritti umani fondametali. Pertanto è dovere di tutti sradicare questa ingiustizia attraverso azioni concrete e buone pratiche e attraverso audaci politiche locali e internazionali...

* Abbiamo la responsabilità di realizzare il sogno di un mondo in cui pane, acqua, medicine scorrano in abbondanza e raggiungano per primi i più bisognosi...Occorrono sistemi alimentari che tutelino la Terra e mantengano al centro la dignità della persona umana, che garantiscano cibo sufficiente a livello globale e promuovano il lavoro digitoso a livello locale che nutrano il mondo di oggi senza compromettere il futuro...                                                                                                                                         

* Scrivo allora alcuni dati dovuti da denutrizione e sprechi:                                                                          + 7mila i bambini al di sotto dei 5 anni che ogni giorno al mondo muoiono per denutrizione                    + 17% la quota di cibo disponibile che vien sprecata (secondo programmo ONU per l'ambiente )            + 19,1% sono gli africani denutriti rispetto al totale degli abitanti del continente nero                                + 381 milioni i denutriti in Asia, il continente con più persone in emergenza alimentare                              + 99 milioni le prsone ridotte alla fame nel 2020 in 23 paesi in stato di guerra

= Spero che almeno  noi...

lunedì 26 luglio 2021

VIVERE NELLA CASA DI NAZARET, COME GESU'

Mi sono fermato a pensare alla casa di Nazaret pensando a come abitassero Gesù, Maria e  Giuseppe e ho trovato questa considerazione di Charles de Foucauld che, riflettendo su "Gesù a Nazart" per il tempo da lui vissuto a Nazaret, a motivo della sua conversione, scrive:

" Durante questo tempo lavoro per te,o Gesù, davanti a te, con te, Maria e Giuseppe, senza smettere di guardarti, di contemplarti, di adorarti.E' con te che lascio il lavoro, conte dico le mie preghiere litugiche, con te sto davanti al Padre tuo in muta adorazione, con te leggo...con te prendo un cibo che assomiglia al tuo: tutto con te, tutto alla tua presenza e in tua compagnia, tutto con te, tutto guardandoti, contemplandoti, adorandoti, imitandoti, tra te, Maia e Giuseppe! Come sono felice!

* Realizzando come Piccolo fratello di Gesù la sua vita tra i Tuareg (che lo cureranno amirevonmente durante una malattia) scrive di Lui Papa Francesco al termine di " Tutti fratelli ": " Egli andò orientando il suo ideale di una dedizione totale a Dio verso la identificazione con gli ultimi abbandonati nel profondo deserto africano a Tamanrasset. Voleva essere "il fratello universale" ma solo identificandosi con gli ultimi arrivò ad essere fratello di tutti...

     = Concludo con Papa Francesco:" Dio ispiri questo ideale in ognuno di noi "(FT 287)=



domenica 25 luglio 2021

NELLA GIORNATA MONDIALE DEI NONNI E DEGLI ANZIANI

*  Ti rendo grazie Signore  per il conforto della tua presenza;anche nella solitudine sei la mia sperqanza, la mia fiducia; fin dalla giovinezza mia roccia e mia fortezza sei Tu! Ti ringrazio per avermi donata una famiglia e per la bnedizione di una lunga vita. Ti ringrazio per i momenti di gioia e di difficoltà,sogni realizzati e quelli ancora davanti a me.

* Ti ringrazio per questo tempo di rinnovata fecondità a cui mi chiami. Accresci Signore la mia fede, rendimi uno strumento della tua pace, insegnami ad accogliere chi  soffre più di me, di non smettere di sognare e a narrare le tue meraviglie alle nuove generazioni.

* Proteggi e guida Papa Francesco e la Chiesa, perchè la luce del Vangelo giunga ai confini della Terra. Manda il tuo Spirito o Signore, a rinnovare il mondo, perchè si plachi la rempesta della pandemia, i poveri siano consolati e termini ogni guerra. Sostienimi nella debolezza, donami di vivere nella certezza che sei con me ogni giorno fino alla fine del mondo. Amen.






sabato 24 luglio 2021

CARLO ACUTIS UNISCE IL MONDO

 * Il telefono della segreteria del santuario ad Assisi, diventa in poco tempo incandescente perchè sono tante, continue, costanti le chiamate da tutto il mondo  per chiedere preghiere, informazioni, avere reliquie del Beato Carlo Acutis, il ragazzo morto a 15 anni e sepolto all'interno della chiesa di Santa Maria Maggiore. Chiamano in particolare dal Brasile, dalla Svizzera, dalla Polonia, dall'est Europa, molte anche dal Sud Italia, dal Centro e da Milano...

* E' un'epidemia positiva   che ha contagiato tutto il pianeta. Un parroco in procinto di partire per il Brasile ha con sè due borse, piene di reliquie da portare in diverse comunità che ne hanno fatto richiesta. Carlo raggiunge tutti: ragazzi come lui, adulti, famiglie, anziani e bambini! Mi sono reso conto che questo giovane, attraverso la solidarietà per i poveri, l' Eucarestia giornaliera, il Rosario, il sano utilizzo della Rete Tv,  parla a tutti...

* Da lui si chiedono guarigioni fisiche ma anche spirituali...per sè. di genitori per i figli, di nonni per i nipoti, di sacerdoti per le proprie comunità...e anche la richiesta di reliquie...            La grande forza di Carlo è quella di essere un santo dei nostri tempi; tutti noi adulti, io e spero anche tu, come i giovani, lo sentiamo vicino, ci ha dimostrato che vivere il Vangelo ai nostri tempi è possibile...si può vivere una fede vera, sentita e condivisa...

 

venerdì 23 luglio 2021

PATRONA D' EUROPA ti dovrebbe INTERESSARE

 * Si chiamava Brigida, era una donna innamorata di Cristo e animata dalla passione, da quel patire nell'anima che è il riflesso dell'infinita cura di Dio per l'umanità e per il mondo. Oggi santa Brigida di Svezia, mistica e patrona d'Europa, ci spinge a volgere il cuore verso ciò che conta davvero, l'essenziale che si fa visibile nella storia...

* Per il nostro Continente, infatti, Brigida aveva una visione ben precisa, proponendo un'unità spirituale basata sul Vangelo e sul messaggio del Risorto. Nata nel 1303 in Svezia, avev sposato il governatore dell'Ostergotland con il quale  ebbe otto figli, condividendo con lui l'intenzione di dedicarsi alla vita religiosa e adottando insieme la regola dei Terziari francescani...

* Dopo 20 anni di Matrimonio rimase vedova e, lasciati i propri beni, si ritirò nel Monastero di Alvastra. In seguito ad alcune "Rivelazioni", raccolte in otto libri, fondò un altro ordine monastico. Dal 1349 al 1373, anno della morte, visse a Roma dove si era recata per ottenere l'approvazione delle regole dell'ordine monastico che volle fondare...

= Tutte queste notizie sintetizzate in poche righe mi rivelano un animo grande ricco della presenza di Gesù e dell'amore alla Chiesa e alla società , giustamente Patrona d'Europa...Se fossimo in tanti e uniti, almeno dove abitiamo, cambieremmo la nostra società. Speriamo !


giovedì 22 luglio 2021

VANGELO, CULTURA E POLITICA CASSIODORO (morto nel 580 ) VERSO LA SANTITA'

 * Mi ha stupito questa notizia, di solito i santi vengono proclamati  "  lontano dagli anni dalla morte ". Sono andatro a "vedere". Non ci sarà bisogno nemmeno di un miracolo. E' una scelta detta "equipollenza". E' prevista dalla Chiesa applicata alle Beatificazioni e Santificazioni mediante la quale il Papa, dopo le dovute verifiche, approva un culto esistene da tempo, senza attendere il riconoscimento di un miracolo per l'intercesione del futuro Beato o Santo.C'è una Positio, un volume che raccoglie le prove dalla Diocesi e poi studiata e approvata...

* Cassiodoro nato a Squillace nel 485 ancora giovanissimo visse a Ravenna alla corte del re Teodorico, fece carriera e divenne alto funzionario anche con i successori di Teodorico...Ritiratosi nei suoi possedimenti fondò alcune comunità monastiche del " Vavarium" di vita cenobita e del " Castellense " di vita eremitica che si dedicarono alla preghiera nelle stile della vita religiosa e unirono il lavoro della copiatura dei manoscritti sia cristiani sia classici...Morì a Squillace attorno al 580...

* Il servo di Dio Cassiodoro assetato di Dio, innamorato del mistero del Cristo incarnato, alla scuola dello Spirito Santo dopo un'intensa carriera politica, scelse di fare esperienza di Cristo mediane la meditazione assidua della Sacra Scrittura, insegnado poi a non avere paura della cultura del proprio tempo: la morale si fonda sulla esperienza amorosa di Cristo insegnava! L'inchiesta canonica su di Lui si basa anche su autorevoli pronunciamenti dei recenti pontefici: Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI e una bibliografia...che ha superato quella dei quindi secoli precendeti...

= Certamente ogni tanto lo pregherò anch'io...quessto santo sconosciuto !

mercoledì 21 luglio 2021

OCCORRE GUARDARE OLTRE IL VISIBILE

 * Ho letto: " ...la disaffezione religiosa di oggi è l'incapacità di guardare oltre il visibile...a certi settori della popolazione hanno estirpato il senso morale come si estirpano ali ai polli per ottenere più carne bianca" La mia esperienza di oggi invece, è stato l'incontro con una persona ricca di senso religioso che ha incontrato nell'esperienza col  mondo buddista...

* E' venuta a trovarmi una signora che non vedevo da anni,  (di anni 64). Ha fatto l'incontro con la religiosità buddista vissuta da un gruppo, e sta vivendo una vita " religiosa" con intensità. E' riuscita a conoscere e leggere un libretto di preghiere buddista che porta con sè e mi fatto vedere, prega lungo la giornata anche in casa con vero senso religioso...Separata dal marito con due figli che aveva educato ai sacramenti cristiani  e...da un compagno avuto dopo, superficiale che ha voluto andarsene, ma senza offese reciproche...

* Mi ha fatto vedere anche una lettera tra quelle che le avevo scritto (come parroco a Limbiate). Mi sono stupito per le belle cose che scrivevo e mi ha messo in difficoltà perchè mi sono chiesto: ma oggi sono ancora capace di scrivere una lettera così? Forse nel prepare le prediche perchè le faccio a me e per me...ma anche i libri che leggo normalmentele in ore di silenzio in chiesa, mi sembrano vuote...

=Mi conforta questo pensiero: Dio si trova nel mondo. A noi tocca trovarlo laddove la  Provvidenza ci ha posto a vivere. Grazie Dora ! E...sentiamoci !



martedì 20 luglio 2021

E' TEMPO DI ECOLOGIA ( accorgersi ) DEGLI ALTRI

 = Spunti da alcune considerazioni del Papa in questi giorni...

* Leggendo il Vangelo (Mc 6,30ss) agli apostoli che tornano dalla fatica missione dove Gesù li ha mandati e con entusiasmo si mettono a raccontare tutto quello che avevano fatto e detto... Gesù dice con tenerezza: " Venite in disparte in un luogo deserto, voi soli, e riposatevi un po' " E il Papa ha messo in guardia dal rischio di "lasciarsi prendere dalla frenesia del fare, dall'attivismo"...

* Per rientrare in noi stessi, per non passare dalle corse al lavoro, alla corsa delle ferie, bisogna fermarsi, stare in silenzio e pregare. Gesù non si sottraeva ai bisogni della folla, ma ogni giorno prima di ogni cosa si ritirava, in silenzio, nell'intimità con in Padre. Solo un cuore che non si fa rapire dalla fretta è capace di commuoversi cioè di non lasciarsi prendere da sè stessi o dalle cose da fare e accorgersi degli altri, delle loro ferite e dei loro bisogni...

* Il Papa ha parlato a tal proposito di una "ecologia del cuore" che si compone di riposo, contemplazione e compassione. Approfittiamo del tempo estivo per questo. Non solo riposo fisico è anche riposo del cuore. Bisogna ritornare al cuore delle cose:fermarsi, stare in silenzio, non passare dalle corse del lavoro alla corsa delle ferie. Gesù non si sottraeva ai bisogni della folla, ma sempre, prima di ogni cosa, si ritirava in preghiera, nell'intimità col Padre...


lunedì 19 luglio 2021

NON E' BENE CHE L' UOMO SIA SOLO (Gn 2,1 ss)

 * Dopo avere creato tutte le cose compreso l'albero della vita in mezzo al giardino e l'albero della conoscenza del bene del male il Signore pose l'uomo nel giardino dell'Eden, perchè lo lavorasse e lo custodisse...Potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino ma non dell'albero della conoscenza del bene e del male...perchè certamente allora dovrai morire. Ma, continua il racconto della Genersi, il Signore prende subito una decisione...

* E' preoccupato e dice: " non è bene che l'uomo sia solo" Tenta di rimediare alla solitudine dell'uomo ma nessuna delle realtà create corrisponde..." allora fece scendere un torpore sull'uomo che si addormentò gli tolse una costola, ne fece una donna e la condusse all'uomo...è solo Dio che agisce ma vedendola l'uomo disse: " Questa volta è osso delle mie osse, carne della mia carne. La si chiamerà donna perchè dall'uomo è stata tolta" (Gn 2,23)

* L'autore della Bibbia non nasconde che il cammno per uscire definitivamente alla solitudine  che si chiamerà "amore" ha bisogno di una grande capacità di distacco, di una profonda libertà del cuore. Per questo " l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due sarnna un'unica carne (Gn 2,24) L'essere umano al termine della creazione ha un grande desiderio di intimità con l'altro da sè. " Ora tutti e due erano nudi, l'uomo e sua moglie, e non provavano vergogna" (Gn 2,25) 

domenica 18 luglio 2021

PER RICORDARE LA LITURGIA DELLA PAROLA DI OGGI

 * Durante la vita di Giosuè " il popolo servì il Signore custodendo la memoria della opere che Egli aveva compiute in loro favore". Dopo la morte di Giosuè gli Israeliti dimenticarono il Dio che li aveva salvati e si diedero all'idolatria. Il Signore castigò il loro peccato, ma attraverso la figura dei "giudici", continuò ad operare per la loro liberazione. (Gdc 2,6-17)  

* Coli che annincianil Vengelo di Cristo alla comunità, è come una madre amorevole che " si cura dei propri figli" perchè non manchi loro il necessario nutrimento, e come un padre premuroso che, con l'esempio e la parola,incoraggia al bene.Ciò significa anche che egli non usa mai "parole di adulazione" e non cerca mai la propria "gloria umana". (1Ts 2,1-2,4-12)

* Sentendolo parlare del suo regno, Giacomo e Giovanni chiedono a Gesù di riservare loro i posti più in vista ("uno alla sua destra e uno alla sua sinistra"). Gesù ricorda loro che per condividere la sua regalità dovranno bere l'amaro calice della passione e subire il suo stesso battesimo di sangue e indica nel servizio, al dono totale di sè, la vera grandezza.(Mc 10, 35-45)


sabato 17 luglio 2021

MA LA " VERITA' " DOVE STA ?

* La questione della verità ha attanagliato la ricerca filosofica da sempre...e nel corso della storia del pensiero, accanto all'amore per la sapienza si è spesso palesato un pensiero che indeboliva il pensare, uno scetticismo che poneva in dubbio le capacità umane di arrivare alla verità, tratto saliente dell'esperienza religiosa. Un personaggio di " Non è un paese per vecchi" (Einaudi) dice del nostro mondo: "dopo tutte le bugie che dette, la verità sta ancora lì ! "

* Non va da nessuna parte e non cambia da un momento all'altro. Non si può corrompere, così come non si può salare il sale con il sale. Non si può corrompere perchè è quello che è. E' la cosa di cui stai parlando. L'ho sentta paragonare a una roccia e sarei anche d'accordo. Ma la verità resterà qui anche quando la roccia non ci sarà più...

* Forse qualcuno non sarà d'accordo su questo. Anzi, forse parecchie persone. Ma queste persone non riesco a capire in che cosa credono. Queste considerazioni sono legate al tempo che stiamo vivendo. Non possiamo "salare il sale" .  La verità è lì . Ci aspetta per incontrarla. Occorre liberare la mente, purificarla,  perchè "la verità è data dalla realtà". E' lì ! 

= Riflessione fatta tante volte ma ripeterle giova...spero!

venerdì 16 luglio 2021

GUARDARE CON ALTRI OCCHI...IL MESTIERE DI VIVERE

 * " Ogni tentativo di venire a capo degli interrogativi fondamentali della nostra vita - in quale modo amare - essere giusti - essere liberi - affrontare la sofferenza e la morte - ci aiuta a comprendere Cristo, colui che è il più umano di tutto ". Sono le domande fondamentali, esistenziali e religiose che troviamo nei romanzi contemporanei.                                                    ( vedi "nota", sotto )

* Così, in un altro romanzo (vedi "nota" ) un personaggio afferma: " Bisogna imparare a guardare il mondo con occhi che altri non hanno ". Questo dovrebbe essere un compito profetico per i cristiani credenti di oggi: guardare alle vicende del mondo con occhi che vedono oltre quello che tutti pensano di vedere. Insomma: " Guardare più che vedere!"

* Guardare vuol dire entrare dentro le cose, leggere dentro la realtà, far diventare intelligente il mondo che ci circonda, perchè lo abbiamo guardato dentro. E, nella realtà, non possiamo non trovare il mistero dell'esistere, il mistero di quel " mestiere di vivere" (vedi "nota") nel quale la domanda religiosa non può restare assente.

Nota: "Acccendere l'immaginazione" - Emi - di Timothy Racliffe                                                            " Questo bacio vada al mondo intero" - Rizzoli - di Colum McCann                                              " Il mestire di vivere " - Rizzoli ? - di Cesare Pavese

Spunti da " Con altri occhi " di Lorenzo Fazzini su "Avvenire" di Venerdì 16/7/2021

giovedì 15 luglio 2021

TRE " PENSIERI " ... SPARSI

 * Cercare la verità: le scienza umane che cercano la verità non possono che culminare nella conoscenza di Dio, nel cui cuore risiede il senso ultimo di tutto. In questo percorso mi ha stupito scoprire che, oggi è san Bonaventura, il suo nome è dovuto a san Francesco che lo guarì da una malattia infantile esclamando poi: " ...oh bona  ventura !" E' venne chiamato così!...

* Papa Francesco ha detto ( raccolgono alcune sue espressioni...dall'Ospedale ): " ...serve il vaccino per il cuore: e questo vaccino è la cura " perchè non siamo al mondo per morire, ma per generare vita" e non serve conoscere tante persone e tante cose se non ce ne prendiamo cura " E' perciò importante " educare il cuore alla cura degli altri, del mondo, del creato!"...

* Sapeva già di essere ricoverato ma, Domenica, il Papa ha annunciato il suo prossimo viaggio...e ha continuato a confidare in Dio e programmare la sua vita... le difficoltà umane e spirituali che richiamano la nostra fragilità, devono spingerci a guardare oltre proiettandoci nel futuro... Nei giorni del Gemelli, il Santo Padre ha sperimentato la propria fragilità...in questi anni ci aveva sempre ricordato...che Dio ci ama come siamo...Le sofferenza derivate  dalla pandemia diventano nostra forza per vivere con slancio guardando il futuro con speranza...

mercoledì 14 luglio 2021

DA SOLDATO INFERMO a "CAMILLIANO "

 * Dall'amore per i malati una scuola per la medicina moderna: san Camillo de Lennis oggi ci ricorda che la fede non è un ostacolo agli strumenti della scienza, ma un loro complemento perchè aiuta a vedere nei sofferenti, non dei semplici pazienti, ma persone. L'avventura di san Camillo comincia in maniera scomposta, perchè, nato in provincia di Chieti nel 1550 in una famiglia nobile, intraprese la carriera militare...

* Colpito da una piaga a un piede, fu ricoverato a Roma per un periodo. Riprese le armi, fu rovinato dal vizio del gioco perchè perse tutti i suoi averi. Si ritrovò per sopravvivere al servizio del Cappuccini di san Giovanni Rotondo. Nel 1575 fu ricoverato nuovamente all' "Ospedale degli incurabili" a Roma e lì trovò la sua strada mettendosi a servizio degli ammalati...

* Si mise con dedizione e delicatezza a servizio dei compagni malati ed ebbe l'idea di fondare una congregazione votata a tale attività. Nacquero così i " Ministri degli infermi " i Camilliani. L'esperienza militare del fondatore fu una risorsa preziosa per modernizzare l'assistenza dei malati; De Lellis morì nel 1614 a Roma...e la sua Congregazione...continua...

= Ogni occasione...può essere una "chiamata" e ...spunto per una risposta!...=

  

 

martedì 13 luglio 2021

ALLARGARE GLI "INTERESSI"...

 * Adesso che siamo campioni d'Europa nel gioco del calcio posso dire che le manifestazioni sono state esagerate: girare su un pulman aperto per ore salutando tutti (lo sport affratella ? ), gridando a squaciagola non si sa che cosa, riempiendo le strade e le piazze, lasciando perdere se tra la folla muore una persona come a Milano (mi pare) e poi ? Lo sport è positivo, il gioco del calcio piace anche a me, qualche partita sono andato a san Siro a vederla, ma... rientriamo...

* La Liturgia di oggi ci proponeva sant'Enrico. Fu imperatore del Sacro Romano Impero dal 1014 al 1024 e la sua voce è profezia, mostrando il volto di una politica che si mette a servizio di chi ha più bisogno...riformatore dei "costumi" anche del clero, sotenuto anche dalla moglie, santa Cunegonda, con la quale condivideva stili di vita e fede...Noi, tu, come siamo sensibili alla vita politica? Si avvicinano le elezioni ammistrative: da che parte stiamo e perchè?...

* Come viviamo e in attesa di chi, che cosa? Viviamo questa vita come se ne avessimo un'altra in valigia, spendiamo i nostri giorni rimandando a una altro momento...sarò felice quando avrò un compagno/compagna, quando avrò dei figli, sarò felice quando i miei figli cresceranno e avrò la mia vita, quando avrò un lavoro...quando avrò meno lavoro...riusciamo sempre a rovinare la nosta realtà. Esiste solo l'oggi, qui ed ora, in attesa dell'abbraccio che sarà Eterno...

= Ho focalizzato tre punti  per vivere consapevoli che l'abbraccio è già qui, la Chiesa! =


lunedì 12 luglio 2021

I CAMPIONI SIAMO NOI

 = Prendo alcuni spunti dagli articoli del Corriere...ma ognuno sia contento ! =

* La vittoria una prova d' orgoglio. La vittoria che è mancata a una generazione di calciatori, quella in campo e quella in panchina, suggellata dall'abbraccio tra Mancini e Vialli in lacrime.    E' il segno di rinascita che aspettavamo dopo il periodo peggiore delle nostra vita, come fu il Mondiale 1982 dopo gli anni di piombo. Difficile dire chi ne avesse più bisogno, se gli azzurri o noi. Chi dei calciatori era andato in finale Champions come gli iuventini, avevano perso... Per un popolo che non ha avuto un Tolstoj o un Dickens il calcio è romanza popolare...                                                                                                                                       ( Aldo Cazzullo )           * Passata la paura, succede ancora ai rigori come in seminificale contro la Spagna.                 Wembley ammutolito si inginocchia davanti all'Italia. Siamo compioni d'Europa, 53 anni dopo Gigi Riva e Pietro Anastasi. E' una notte fredda e dolcissima, di estasi azzurra. Un sogno di mezza estate. Neppure il più sfrenato degli ottimisti se lo sarebbe immaginato un epilogo così dopo che la Svezia ci aveva negato il Mondiale in Russia. Adesso gli azzurri si abbracciano nel tempio laico e abbracciano Mancini che piange anche lui. L'Italia vince perchè ha più cuore...                                                                                                                    ( Alessandro  Bocci )       * Bravi tutti, siamo entrati in un'altra epoca, siamo Campioni d'Europa, la conquista di una grande squadra. Capiremo a mente fredda cosa vuol dire, cosa cambia nella nostra estate e nel calcio italiano. Questo è il momento di essere liberi e ringraziare tutti: non tanto Mancini, che è stato sempre il più ringraziato, quanto i ragazzi:quelli insoliti come Di Lorenzo e Emerson, quelli sfiniti come Barella e Verratti...Grazie a tutti quelli che hanno preso questo treno così strano e colorato da non pensare fosse il nostro...è stata un'impresa difficile...abbiamo vinto!                                                                                                                       ( Mario Sconcerti )

 

domenica 11 luglio 2021

PREGHIERA PER I MIGRANTI proposta dai VESCOVI ITALIANI

 * Per tutti i migranti, in particolare, per quanti tra loro hanno perso al vita in mare, naviganti   alla ricerca di un futuro di speranza. Risplenda per loro il tuo volto, o Padre, al di là delle nostre umane appartenenze. E la tua benedizione accompagni tutti in mezzo ai flutti dell'esistenza terrena  verso il porto del Regno.

* Al cuore delle loro famiglie, che non avranno mai  la certezza di ciò che è successo ai loro cari, Dio sussurri parole di consolazione e di conforto. 

* Lo spirito santo aleggi sulle acque, affinchè siano fonte di  vita e non luogo di sepoltura, e illumini le menti dei governanti  perchè, mediante leggi giuste e solidali, il Mare nostrum, per intercessione di san Benedetto, patrono d'Europa, sia ponte tre le sponde della terra, oceano di pace, arco di fratellanza di popoli e culture,

* Preghiamo         

sabato 10 luglio 2021

E...CERTAMENTE ANCHE LUI CI SORRIDE

* Cosa è la "Grazia" ? E' il tema centrale del cristianesimo ma nel linguaggio e anche nella predicazione, è un termine forse perso...La si potrbbe tradurre con forza, benevolenza, accoglienza, e apporvi il genitivo "di Dio", ma mancherebbe quel tratto di leggerezza e soavità, di bellezza insomma, che rende "la grazia di Dio" messaggio così rivoluzionario che potrebbe riempirci le giornate senza avere bisogno di niente...

* "Io non ricordo di avere mai dato motivi a Dio per sorridermi,scrive McCarthy "Nel paese dei vecchi", però Lui mi ha sorriso...". Dio che ci sorride, semplicemente. Gratuitamente. Senza che noi facciamo qualche cosa per meritarci la sua accondiscendenza, meglio ancora il suo sorriso: è il gesto di positività più alto dell'umano: non il ridere, ma il sorridere...

* E anche benedirci fisicamente, anche da "lontano" per il corona virus che ci rende più aperti... In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato il suo Figlio. San Giovanni scrive così:" Proviamo a sostituire il termine amore/amare con  sorriso. Forse ne trarremmo un sorprendente nuovo annuncio spirituale ..."...

= Starò attento: ogni tanto, chi mi vuol bene, mi dice: "Sorridi un po'"...ritenterò !

venerdì 9 luglio 2021

IN CINA da CARCERIERE a SACERDOTE e MARTIRE

 * Per credere è necessario incontrare Cristo nella propria vita e lasciare che entri nella nostra quotidianità. Per Agostino Zhao Rong primo prete cinese martire e santo, l'incontro avvenne grazie alla testimonianza di alcuni cristiani perseguitati, Così anche lui, come avvenne per san Paolo, si aprirono gli occhi della fede crstiana e scelse di vivere nella luce del Vangelo. Era nato nel 1746 a Kweichou...

* Come soldato dell'esercito imperiale, venne mandato a custodire alcuni cristiani, rinchiusi  a causa della loro fede: tra loro c'erano anche dei preti che, anche se prigionieri, continuarono ad annunciare il Vangelo di Gesù. Zhao Rong si convertì, venne battezzato e cresimato decidendo di prendere il nome del santo del giorno: Agostino. Dopo gli studi teologici venne ordinato sacerdote nel 1781...

* Mandato in missione in una zona montagnosa, venne riconosciuto e durante la persecuzione del 1815 fu arrestato e ucciso. Anche la nostra Liturgia lo ricorda assieme a 119 altri martiri in Cina le cui cause sono state unificate nel 2000 e papa Giovanni Paolo II  li ha canonizzati insieme il 1° Ottobre dell'anno giubilare...

= Ho letto un libro che racconta, secondo l'autore, tutti gli errori dei Papi negli ultimi tempi e mi sono disgustato dei "si dice", "si pensa"...mi rifugio nei santi martiri ! =

giovedì 8 luglio 2021

L' ACCOGLIENZA, CARISMA per formare la CHIESA COMUNITA'

 * Nella vicenda dei santi Priscilla e Aquila si forma una Chiesa in cui il centro di ogni decisione e di attività è Cristo. Così gli Atti degli Apostoli cap. 18 descrivono una collaborazione proficua che nasce a Corinti tra i due sposi e Paolo. Insieme, essi, nella diversità della loro condizione di vita, si mettono a servizio della comunità cristiana nascente. La loro esperienza inizia da un preciso carisma, quello dell' accoglienza...

* Paolo lascò Atene e si recò a Corinto, ed è qui che trovò un Giudeo di nome Aquila, nativo del Ponto, arrivato poco prima dall'Italia con la moglie Priscilla. In seguito all'ordine di Claudio che allontanava da Roma tutti i giudei. Paolo si recò da loro e poichè facevano il medesimo mestiere, si stabilì in casa loro e lavorava...Qui nacque la loro amicizia nella fede e si aiutarono  a diffondere Gesù e la sua proposta

* Aquila e Priscilla seguirono poi Paolo fino ad Efeso dove istruiranno Apollo che si stava avvicinando al cristianesimo, ma ancora carente nella conoscenza del Vangelo in alcuni punti. Per un certo periodo sappiamo che i due sposi si recarono poi a Roma, proponendo Gesù come avevano imparato da Paolo ai primi "fedeli"...Nulla si sa della loro morte che probabimente avvenne per martirio...

= Ho proposta sinteticamente questa "storia"  per ricordarci che il cristianesimo nasce come amicizia nella fede...Oggi, in questo quartiere e nella parocchie di Milano non mi pare ci sia un'amicizia nella fede signifcativa della Chiesa...

mercoledì 7 luglio 2021

L' IMPOSSIBILITA' DELLA CONDANNA

 * Spesso i credenti hanno una cattiva coscienza verso che non crede. Glielo imputano come una colpa, come se non credere fosse una scelta etica sbagliata, e non invece la risposta libera a una proposta che liberamente arriva da Dio. Non tutti hanno il dono della fede, e questo è un mistero. Di certo chi ha ricevuto questo dono non può farlo proprio come se dipendesse dalle sue capacità...

* Papa Francesco, nella sua prima intervista ( a Civiltà Cattolica ) quando gli chiesero chi si sentiva di essere, rispose: " Un peccatore a cui Dio ha guardato ". Par Lagerkvist premio Nobel per la letteratura, ci ha restituito in Barabba (Bur) un esempio di riscrittura evangelica. Ad esempio quando Barabba compare davanti a un gruppo di seguaci di Gesù e la loro reazione fu di occhi roventi e minacciosi contro di lui...

* Sopraggiunge un vecchio credente  che dice: " E' un infelice, non abbiamo il diritto di condannarlo. Anche noi siamo pieni di colpe e di errori e non è merito nostro se il Signore ha avuto misericordia di noi. Non abbiamo diritto di condannare una persona perchè non ha un dio. Stiamo ben lontani dal giudicare (chi non ha un dio) le ragioni di ciò le conosce solo lui...

= Condivido e propongo queste considerazioni di Lorenzo Fazzini su "Avvenire

martedì 6 luglio 2021

CHISSA' COSA PENSANO GLI...ITALIANI...

 * L'umiltà, la ricerca di una vita semplice e di una spiritualità radicata, lo sguardo profondo sulla realtà che ci circonda, la purezza del cuore e il rispetto del corpo e della sua sessualità: sono molti messaggi profetici che la memoria di santa Maria Goretti ci affida oggi. Non credo che molti giovani oggi sappiano chi sia e abbiano colto i suoi messaggi profetici...Mi sbaglio?...

* Maria Goretti nata nel 1890 a Paliano, si è trasferita con la famiglia in altri paesi del Lazio. Il padre, mezzadro, morì di malaria nel 1900 e la famiglia, la mamma e sei figli, dovette dividere la casa con la famiglia Serenelli...A Maria spettò il compito di badare alla casa e curare i fratelli (lei era la seconda). A 11 anni fece la Prima Comunione e formulò il proposito di  "morire prima di avere compiuto qualche peccato"...

* Il giovane Alessandro di 18 anni, figlio dei Serenelli, aveva però messo gli occhi su Maria, la circuiva, invano, e il 5 Luglio 1902 tentò di stuprarla e pugnalarla per la resitenza di Maria. Maria morì il giono dopo, perdonando il suo assassino: questo sacrificio estremo portò però lo stesso carnefice, qualche tempo dopo, alla conversione...

= La maggior parte dei giovani di oggi fanno sesso tranquillamente con i preservativi,                   convivono senza sposarsi...e con i genitori che dicono: " ...e, fanno tutti così ! "                           Ma la verità non va a maggioranza!...tempi tristi e sfasciati! dico io. evs