sabato 16 dicembre 2017

L' ANNUNCIAZIONE A GIUSEPPE

* Ho evidenziato la parola Annunciazione, solitamente riferita alla Madonna anche perchè  la Liturgia di oggi, riprendendo l'insegnamento di san Carlo, poi abbandonato da qualche "riforma" affrettata,  proprio prima della Domenica della Incarnazione, celebra l' "Annunciazione a Giuseppe"...

* L'annunciazione a Giuseppe della nascita di Gesù è data da Maria prima che andassero  a convivere e questo era motivo di scandalo che esigeva la uccisione a sassate della donna incinta non da suo marito. Giuseppe rimase triste angosciato e non voleva accusarla pubblicamente (come se fosse stata resa incinta da un altro uomo) ma di ripudiarla in segreto (mt 1,19)

* Ecco l' annunciaziona a Giuseppe. " Mentre stava considerando queste cose, ecco gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse:- Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa ( i fidanzati ufficialmente venivano considerati sposi anche se non conviventi).
Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio  e tu lo chiamerai Gesù. egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati...- Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordianto l'angelo del Signore e prese con sè la sua sposa e, senza che egli la conoscesse, ella diede alla luce un figlio e egli lo chiamò Gesù.  (Mt 1,20-25)

§ Chissà...forse non abbiamo sentito dire dell'Annunciazione a Giuseppe , ma  un momento doloroso e difficile per questi due giovani fidanzati...Nei momenti difficili per noi forse potremmo stare in silenzio e ascoltare, davanti al Crocefisso, nell'Eucarestia...l'Angelo del Signore...

venerdì 15 dicembre 2017

GUAI VOI ...CHE CHIUDETE...

* E' lunga la lista dei " ...guai a voi..." nel Vangelo (cfr Mt 23,13) che invita a fare delle scelte per la vita...e questi guai che non sono solo per la gente  del tempo di Gesù, ma anche per oggi, in chiunque conduce al male, chi ha il cuore indurito, è ingiusto, è infedele. Ognuno di noi a volte è così...

* La condanna di Gesù è rivolta anche a tutti quei formalismi esteriori che mi fanno sorridere come: il vedere le persone che entrano in chiesa e si fanno il segno della croce come uno sgorbio, o la genuflessione ( alzando leggermente un piede ) o, senza un saluto a Gesù vivo nel tabernacolo, vanno "di corsa" ad accendere un lumino a una statua di gesso o di legno sia pure della Madonna...o al termine della Messa, inizia un canto che è preghiera e cominciano a raccogliere la borsa, i guanti, a mettersi il cappello di lana...nei giorni feriali perchè si ha fretta, la domenica perchè si ha fame...

§ Fammi sentire la voce della strada quella che invita sulle vie del mondo a conoscere sempre più i segni del tuo amore, quella che batte il cammino dei cuori, quella che conosce il sentiero delle altezze dove Tu abiti nello splendore della tua verità...e condurre alla Bellezza della Chiesa.


giovedì 14 dicembre 2017

ABOLIRE LA DOMENICA ?

* Gesù non osservava la Domenica ! Forse è per questo che i razionalisti, anticlericali, senza norme di vita, quindi senza religione, ma anche ignoranti del perchè c'è la Domenica la vogliono abolire...

* Gesù che era un ebreo che andava al Tempio e alla sinagoga, osservava il Sabato come ogni ebreo credente, come ogni ebreo che aveva i 10 Comandamenti come norma di vita, di comportamento...

* Il quarto comandamento dice: " Ricordati del giorno di sabato per santificarlo. Sei giorni lavorerai e farai ogni tuo lavoro, ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo né la tua schiava, né il tuo bestiamo, né il forastiero che dimora presso di te. Perchè in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è in essi, ma si è riposato il settimo giorno. Perciò il Signore ha benedetto il giorno del sabato e lo ha consacrato."

* Il giorno dopo il sabato di quell'anno ( probabilmente l'anno 36 ) Gesù risorto è stato visto, toccato dai suoi amici, ha mangiato con loro...e da allora i suoi amici e credenti in Lui hanno cominciato a celebrare il giorno dopo il sabato come " giorno del Signore in latino dies Domini "

* Il giorno dopo il sabato è diventato per tutti i cristiani Domenica incidendo così, con le altre feste cristiane nel calendario di tutti...Bisognerebbe chiedere di abolire anche il Santo Natale di Gesù, in questo senso di fatto abolito...si piò continuare (Leggi in internet il discorso del Papa di ieri...)

mercoledì 13 dicembre 2017

DAL RANCORE ALLA GRATITUDINE

* Una persona amica mi ha inviato riflessioni sulla situazione dell'atteggiamento "di rancore" che prevale nella mentalità e nel linguaggio  degli italiani, oggi. Uomini e donne che non vedono della loro vita, niente se non ciò che manca...e l'immigrazione avversaria del benessere dei cittadini...

* Francesco Papa ieri ha detto. "Quando la nostra preferenza è per il risentimento...allora abbiamo il cuore amaro...siamo attaccati al negativo dovuto alla ferita del peccato che c'è dentro di noi, preferiamo rimanere soli...non ci piace mendicare la consolazione...

* La dimensione della gratitudine sembra trascurata: quel fare memoria di quanto bene si è ricevuto dal nascere in Italia e non in altri paesi del mondo insanguinati...dell'essere andati a scuola, educati...

§ Il problema e la via della soluzione è: " Che cosa sarà dell'uomo/donna dopo la morte? Dio è un Dio vivo,è la sicurezza della nostra vita oggi. Da questa certezza nasce la pace dello spirito, e vivere per Dio è vivere davvero...Lui invita tutti nelle sua Casa e ci ha promessso una consolazione eterna, una speranza felice...Diciamo consapevoli: Padre nostro...venga il tuo regno..."

martedì 12 dicembre 2017

LEGAMI DI BONTA'

* E' commovente, come sempre, per me, questo pensiero del profeta Osea 14,4

"Io li traevo con legami di bontà, con vincoli di amore, ero per loro come chi solleva un bimbo alla guancia, mi chinavo su di lui per dargli da mangiare..."

§ Pensavo che abbiamo bisogno di questa tenerezza  soprattutto quando ci accorgiamo che per diversi motivi ci siamo allontanati da Lui, da Gesù Crocefisso, per il ritmo a volte incontenibile della nostra giornata di lavoro, di famiglia, ma continua a inseguirci, magari per una frase di un amico...

* Per questa tenerezza di Dio, che ci chiama e ci aspetta possiamo sempre riprendere la strada di "Casa" e trovare la Misericordia che ci aspetta a braccia aperte, con i segni della Croce...

§ Beato il popolo che ti sa acclamare: camminerà, Signore, alla luce del tuo volto; esulta tutto il giorno nel tuo nome, ed è pacificato  nella tua giustizia...( salmo 88)

lunedì 11 dicembre 2017

COME COLTIVIAMO LA VIGNA ?

§ Continuo, spero con te, a prepararrmi al Santo Natale di Gesù, con la Liturgia quotidiana.

* " C'era una uomo che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con  una siepe, vi scavò una buca per il torchio, costruì una torre, e la diede in affido ai contadini e se ne andò  lontano.  (Mt 21,33 ss) La parabola è uno spunto per dirci che il Signore si fida di noi...

* Come custodiamo la vigna del Signore nella quale sia nati con il Battesimo? Non è difficile accorgerci che a parte le pochissime parole di Papa Francesco dette per televisone e qualche riga come notizia su qualche quotidiano, non se ne fa niente in questa società ! Siamo ancora capaci di dire che è il santo Natale di Gesù che ricordiamo, ma che Gesù è nato da Maria centinaia di anni fa?

* Padre giusto e misericordioso, che vegli incessantemente sulla tua Chiesa...continua a coltivare questa vigna che hai piantato, perchè porti nuovi germogli e innestata in Cristo, vera vita, porti in tutti e nella società segni abbondanti, frutti abbondanti per una società più bella e più vera.

§ Concretizzo come più volte richiamo:la preghiera personale e famigliare ogni giorno, una breve lettura e riflessione sul Vangelo, un sacchettino " borsa per i poveri", un servizio per la vita della comunità parrocchiale, il dovere di votare nella vita pubblica, formare gruppi di comunità...

domenica 10 dicembre 2017

MA TU CHI SEI ?

* E' la domanda fondamentale fatta a due gruppi di ragazzi risposta: silenzio. Solo uno dopo qualche secondo di sguardo che cercava mi disse:" Ma tanto si muore tutti !"
E' la domanda della gente a Giovanni Battista vedendolo agire e parlare e battezzare...

* Dalla Parola di oggi: "Il Signore verrà e non giudicherà secondo le apparenze...prenderà decisioni in difesa degli umili...e...questo Gesù è sempre vivo in mezzo a noi...ed è la nostra presenza che lo rende presente...

* Con il Battesimo Lui è presente in me, in noi, per rendermi santo e immacolato se, come faceva Lui, prego ogni giorno (e gli sposi insieme in casa)...cerco di amare il prossimo come me stesso, mi cibo di Lui, Pane di vita, rinnovo la mia fede in Lui con la Riconciliazione (Confessione) e cerco di realizzare la vita come comunione di vita con coloro che credono in lui...affinchè il mondo creda...

* Cercando di vivere posso almeno dire che sono un cristiano, battezzato, in attesa del Regno.Tu chi essi ?...Spero di arrivare con te nella Sua Casa...